Quantcast

Due proiezioni in provincia per “Storie di Pietre”, il film di Alessandro Leone

Il film, che verrà proiettato ad Azzate e Gallarate, racconta del Deposito di Santo Chiodo a Spoleto, il luogo silenzioso della rinascita del patrimonio artistico dopo il terremoto

storie di pietre film

Prima di approdare in gennaio a Milano, il film scritto e diretto da Alessandro Leone, Storie di Pietre, aggiunge altre due tappe al tour in provincia di Varese.

Giovedì 12 dicembre – ore 21 – sarà al cinema Castellani di Azzate (via Acquadro 32);
Mercoledì 18 dicembre – ore 21 – al cinema delle Arti a Gallarate (via Don Minzoni 5).

Luoghi riservati ed estranei al grande pubblico vengono aperti e svelati dalla macchina da presa del regista che per la prima volta ci dona un punto di vista nuovo e sempre in bilico tra la distruzione e la rinascita.
Il film intreccia luoghi e storie connesse dal sisma. Un crocefisso da riassemblare per la processione patronale, una tela in parte sepolta sotto le pietre che conservano i segni di tradizioni ataviche, diventano emblemi di resilienza; difesa di una cultura che vuole rimanere viva.

Il Deposito di Santo Chiodo a Spoleto è il luogo silenzioso della rinascita del patrimonio artistico dove i frammenti, dispersi tra le macerie, vengono raccolti nel tentativo di ricostruire l’immagine perduta. A San Salvatore in Campi i volontari di Chief Onlus lavorano per mettere in sicurezza ciò che rimane di un’antica chiesa.

A mille metri di altitudine, un monaco vive nel rispetto della regola ora et labora e da vent’anni ripara la sua abitazione dopo ogni scossa. Una vita solitaria vissuta in armonia con il territorio. La natura premia l’eremo e lo erge a esempio da seguire. La struttura non ha infatti subito danni significativi, rinforzata dal lavoro costante del suo abitante e dalla necessità di un uomo di costruire una casa che non sia solo di pietra.

Rinunciando a interviste e voci narranti, il film procede per frammenti montati come tessere di un mosaico. I neri rompono il fluire del racconto, lasciando che suoni e voci rimarchino ciò che è andato perduto. Dagli anziani ai bambini, ognuno combatte con tenacia la sua battaglia personale nella consapevolezza del presente e nella possibilità di un futuro che è sfida all’isolamento post-sisma.

Il regista e sceneggiatore Alessandro Leone, dopo aver vinto il Nastro d’Argento Speciale per Fuoriscena, docufilm presentato al 31° Torino Film Festival e vincitore di numerosi altri riconoscimenti in Italia e all’estero, torna nelle sale con Storie di Pietre.

Storie di pietre è stato presentato in anteprima internazionale al 67° Trento Film Festival, dove si è aggiudicato il Premio RAI come miglior documentario di attualità, inserito nella selezione ufficiale del Torino Cinemambiente e scelto tra gli otto documentari italiani nella selezione ufficiale del Cardiff Italian Film Festival.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore