Mettete all’angolo gli abusi, la Polizia di Stato “scende in campo”

Originale iniziativa realizzata in collaborazione fra la Polizia e il Basket Valceresio che hanno tenuto lezioni in campo per spiegare come combattere e denunciare i reati contro i minori

minibasket valceresio basket progetto scuole

La legalità entra in squadra. Inedita e originale iniziativa realizzata in collaborazione fra la Polizia di Stato e dal Basket Valceresio che, nelle ultime settimane, hanno “giocato assieme” una partita a favore della prevenzione dei reati commessi da e contro i minori. Mentre solitamente, infatti, gli incontri di questo genere sulla legalità si svolgono nelle scuole, nei giorni scorsi, per la prima volta in provincia di Varese se ne sono organizzati cinque a cui hanno assistito le cinque squadre del settore giovanile della società biancoverde, raggiungendo una sessantina di ragazzi.

Qui, per un giorno, “l’allenatore” è stato il vice-ispettore Romina Fontana della Squadra mobile della Questura di Varese, che ha illustrato ai ragazzi concetti come l’imputabilità e i reati riguardanti pedo-pornografia, maltrattamenti, abusi sessuali, stalking e altre questioni giudiziarie che riguardano perlopiù l’adolescenza.

Insomma, si sono toccati alcuni fra i principali rischi che i giovani dai dodici ai diciotto anni possono incontrare quando si diventa grandicelli. Il problema infatti è che, talvolta, quella che si crede una ragazzata, può andare ben oltre il bullismo e diventare un reato. Tanto è vero che la rappresentante delle forze dell’ordine ha portato dei casi concreti, raccontando delle vicende avvenute realmente nel Varesotto, dove i minorenni erano responsabili oppure vittime di quanto accaduto.

Sicuramente dopo gli incontri, aperti anche a genitori e allenatori, i giovani sono usciti più consapevoli e maturi: perché diventare grandi vuol dire acquisire dei diritti, ma anche i doveri di essere un cittadino rispettoso e consapevole.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore