#usalabiciclettainsicurezza, quattrocento bambini insieme ad Ivan Basso

Il terzo anno della campagna, dopo la nuova serie di pannelli informativi, si apre con l'incontro al Teatro Condominio

#usalabiciclettainsicurezza 2019

Anche questa volta, per il terzo anno consecutivo, è stato Bici Boy a spiegare come percorrere le strade senza correre rischi. Il simpatico personaggio animato è ormai il simbolo dell’incontro con le scuole al Teatro Condominio di Gallarate, diventato un appuntamento fisso inserito nella campagna #usalabiciclettainsicurezza.

Galleria fotografica

#usalabiciclettainsicurezza 2019 4 di 5

Sul palco, come sempre, l’ex maglia rosa e testimonial del progetto Ivan Basso, insieme al vicesindaco e assessore alla Sicurezza Francesca Caruso. In sala oltre quattrocento alunni delle classi quarte delle scuole elementari di Gallarate.

Ai piccoli studenti sono stati mostrati i nuovi cartelli, quelli dedicati ai pedoni, affissi lungo le strade di maggiore percorrenza insieme a quelli dei primi due anni della campagna, rivolti ai ciclisti e agli automobilisti. Trenta diversi messaggi riassunti nello slogan “la strada è di tutti”, diventato il manifesto di questo progetto dell’amministrazione comunale dei Due Galli, pluripremiato a livello nazionale: ultimo riconoscimento quella ricevuto al Pirellone, con la benemerenza regionale conferita all’assessore Caruso e alla polizia municipale per il lavoro di prevenzione nelle scuole in tema di sicurezza stradale. Uno stimolo in più a non fermarsi e a proseguire con le lezioni in classe, dalle primarie di primo grado alle superiori, fino ad arrivare alle patenti del perfetto ciclista, rilasciate ai più piccoli.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 dicembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

#usalabiciclettainsicurezza 2019 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore