Venti emendamenti per la lista Orrigoni: il principale vuole ripristinare la Gasparotto Borri

Sono venti in tutto gli emendamenti che presenterà la lista Orrigoni, per nome del consigliere Luca Boldetti, e il principale riporta in auge un vecchio progetto molto contestato

consiglio comunale varese generiche

Sono venti in tutto gli emendamenti che presenterà la lista Orrigoni, per nome del consigliere Luca Boldetti, e il principale riporta in auge un vecchio progetto: quello della Gasparotto – Borri, la bretella che dovrebbe collegare l’autostrada a una delle principali vie d’accesso della città. Un progetto che ha fatto tanto discutere in anni precedenti e che è stato nel tempo accantonato.

La reintroduzione della bretella è riproposta: «Al fine di migliorare l’accessibilità in città per lavoratori, cittadini e turisti, diminuendo il traffico con evidenti ricadute positive anche sulla qualità dell’aria. Tale opera stradale consentirà di connettere meglio diverse zone della città, rendendola maggiormente fruibile e attraente, anche nei confronti delle imprese. Inoltre, alleggerirà il traffico in entrata a Varese, con gli evidenti benefici per il comparto di largo Flaiano e via Magenta fino a piazza Repubblica e piazza Montegrappa. Grazie alla Gasparotto-Borri, in un secondo momento sarà possibile realizzare anche un più agevole collegamento con la zona industriale di Schianno per facilitare i mezzi pesanti che provengono dall’autostrada, alleggerendo l’accesso da via Piana di Luco e da via per Schianno». Per metterlo concretamente in pratica, viene proposto un mutuo, per una voce di spesa prevista di circa 7 milioni di euro.

GLI ALTRI EMENDAMENTI

Gli altri emendamenti spaziano dalla cultura alla difesa ambientale, dalla scuola alla cura delle strade: tra gli altri, si propone infatti di spostare in avanti di un anno il nuovo arredo urbano di via Carrobbio e l’ampliamento delle aree umide della Bevera, per anticipare di un anno l’aggiustatura dei dissesti stradali in via Passo Buole; di destinare 10mila euro per del nuovo materiale per la biblioteca e per un fondo comunale per le scuole dell’infanzia, di impegnare il comune e partecipare ai bandi per l’eliminazione dell’amianto e infine di destinare delle somme per riproporre il bando per le start up: un emendamento che condivide con il suo collega PD Giacomo Fisco.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 14 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore