Accordo tra Provincia e Comune per sistemare la succursale del liceo Crespi

Villa Recalcati si impegna a pagare 500.000 euro per rifare il tetto. Il Comune ne spenderà 250.000 circa per la messa in sicurezza

Liceo Crespi sede distaccata

La succursale del liceo Crespi di Busto Arsizio verrà sistemata.

A più di due anni dallo stop alle lezione deciso da Villa Recalcati a causa di alcune problematicità dello stabile di piazzale Trento e Trieste, Villa Recalcati e Palazzo Gilardoni hanno raggiunto un accordo economico per condividere le spese di adeguamento. L’intesa è stata ratificata lo scorso 16 dicembre dal consiglio provinciale.

« Per il liceo Crespi abbiamo una novità che riguarda la succursale di piazza Trento e Trieste – spiega Corrado Canziani, consigliere provinciale con delega all’edilizia scolastica – Abbiamo approvato una convenzione con il Comune di Busto per la sistemazione di quella sede. Villa Recalcati si farà carico dei lavori per il rifacimento della copertura mettendo a bilancio 500.000 euro. Il Comune metterà a norma il sistema antincendio, sostituirà i serramenti, i vetri e realizzerà l’uscita di sicurezza. Un costo globale di circa 250.000 euro per le casse di Palazzo Gilardoni».

La palazzina, di proprietà del Comune, è occupata dagli studenti del Crespi, liceo cresciuto negli anni tanto da aver bisogno di spazi ulteriori rispetto alla sua sede centrale. Lo stop era stato deciso dall’allora presidente della Provincia Vincenzi alla luce di alcune criticità. Ne seguì un braccio di ferro con l’amministrazione comunale che rifiutava di accollarsi totalmente la spesa di adeguamento e messa a norma, vista anche la mancanza di un’adeguata uscita di sicurezza.
A distanza di anni, il doppio incarico del sindaco Emanuele Antonelli che è anche presidente della Provincia ha sciolto il nodo prevedendo una condivisione di spesa.

di
Pubblicato il 16 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore