Anastasi se n’è andato con la sedazione assistita

Da qualche mese aveva scoperto di avere la Sla e nei giorni scorsi aveva rifiutato l'accanimento terapeutico, scegliendo di essere sedato

pietro anastasi

Pietro Anastasi ha scelto la sedazione assistita per andarsene. La notizia è stata riportata dal quotidiano “La Stampa” con le parole del figlio Gianluca: «Ha scelto lui giovedì sera di andarsene. Ha chiamato mia mamma e ci ha detto di volerla subito». Era ricoverato all‘ospedale di Circolo di Varese.

È morto Pietro Anastasi, il simbolo del Varese Calcio più bello

Tre anni fa, a seguito di dolori al braccio e alla gamba, ha scoperto di avere un tumore all’intestino. Dopo l’operazione con la quale gli è stato asportato il tumore è venuto fuori che aveva la Sla (Scelrosi laterale amiotrofica). Quando lo ha saputo, circa tre mesi fa, lui ha detto basta, rifiutando l’accanimento terapeutico». E giovedì sera si è addormentato per sempre.

La camera ardente con il feretro del grande campione è stata allestita a Palazzo Estense a partire dalle 10.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore