“La casa di Brenta”, la nuova serie nata nel varesotto

Stefano Rossi e Giuseppe Bennardo hanno realizzato una serie tv ispirata “La Casa di Papel”. Online su Youtube, ogni lunedì, da oggi

Serie tv "La casa di Brenta"

Una nuova serie tv, nata dall’idea di due ragazzi di Brenta. Si chiamano Stefano Rossi e Giuseppe Bennardo, sono coinquilini e hanno la passione per il cinema.

«L’idea è nata quasi per caso – racconta Stefano -, in quei discorsi che si fanno a cena al rientro dal lavoro. Io mi sono occupato della scrittura, Giuseppe si è concentrato sulla regia. Si tratta di un progetto del tutto autoprodotto, speriamo che piaccia e interessi le persone che decideranno di seguirci: è una produzione che facciamo nel tempo libero semplicemente perché amiamo farlo. In precedenza, abbiamo già fatto alcuni lungometraggi, sempre autoprodotti, che sono stati proiettati nelle nostre zone in provincia di Varese».

La serie, dal titolo “La casa di Brenta” vede protagonisti due coinquilini che vengono a conoscenza dell’esistenza di un’applicazione che si chiama “ComeHome”, creata con l’intento di organizzare in casa propria feste a tema e con l’innovazione di invitare nella propria abitazione perfetti estranei. Continua Stefano: «Il nome deriva della fermata Brenta della metropolitana di Milano e la storia si basa sulla realtà, la nostra realtà. Noi veniamo dalla provincia e inizialmente ci siamo sentiti un po’ estranei alla movida milanese».

I due protagonisti della serie decidono allora di organizzare la serata che avrà come tema principale la famosa serie tv “La Casa di Papel”: «tutti dovranno quindi indossare una tuta rossa e la maschera di Dalì, e la cosa renderà ancora più intrigante l’atmosfera», raccontano.

Una web serie caratterizzata da tante battute ma anche colpi di scena che terranno sulle spine tutti gli spettatori. Saranno 5 puntate da 10, 15 minuti l’una e andranno in onda sul canale YouTube “La Casa di Brenta” ogni lunedì (a partire da oggi) e il giovedì. Ecco il link per vedere la serie.

di
Pubblicato il 13 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore