“Fuori chi legge”: Comerio recluta i ragazzi per il festival della lettura

Venerdì 24 gennaio, i giovani tra i 14 e i 25 anni sono invitati in biblioteca per organizzare il festival dedicato a libri, musica e arte che si terrà a maggio

festival della lettura

Un festival letterario dedicato ai giovani.
Nel paese dei libri, si asta l’asticella delle iniziative culturali. A maggio, Comerio darà vita a un evento di due giorni tutto dedicato ai libri e alla cultura.

Una sfida affascinante e ambiziosa che l’assessore Chiara Brovelli lancia a tutti i giovani dai 14 ai 25 anni: « L’invito è quello di venire venerdì sera, 24 gennaio, in biblioteca per discutere idee, proposte, suggerimenti. L’appuntamento è dalle 18 alle 20 ed è aperto a chiunque abbia voglia di mettersi in gioco».

L’incontro di venerdì si intitola “Aspettando Fuori chi legge” perché il festival, che si terrà il 22 e il 23 maggio, si chiamerà “Fuori chi legge”, un invito a uscire dalla propria camera o sala di lettura per raggiungere chi ha gusti analoghi, ma anche diversi, contrari, e discutere, ascoltare, e stare insieme anche all’insegna della lettura, della musica e del divertimento: « Abbiamo coinvolto due cooperative che fanno arte di strada, la NaturArt e la Colce che si occupano anche di integrazione perchè non ci sono migliori mezzi di conoscenza che l’arte e la cultura».

L’iniziativa fa parte del programma del Sistema Bibliotecario dei Laghi che, quest’anno, fa tappa a Comerio: « Quando ho assunto l’incarico in giunta – ricorda l’assessore Brovelli – ho lavorato sull’idea di “Comerio paese dei libri”. Tante le iniziative messe in cantiere. Quest’ultima attività vuole essere un rilancio anche della nostra biblioteca che è un punto di incontro e può diventarlo sempre di più, soprattutto per i ragazzi che hanno bisogno di spazi per studiare».

Il programma dovrà uscire dal “brain storming” che verrà fatto venerdì: « Ci sono già alcune idee come l’invito allo scrittore Matteo B. Bianchi che tiene una rubrica in podcast: con lui si parlerà anche di questo strumento di programmazione che sta prendendo piede».

Poi ci saranno gruppi musicali: quali generi? lo decideranno i ragazzi che sceglieranno e inviteranno le loro band preferite: « I protagonisti dovranno proprio essere i nostri ragazzi che diventeranno protagonisti, nella fatica e nei risultati, daranno l’impronta, cogliendola dai loro gusti personali. Lavoriamo per un’offerta per tutti i gusti e gli orari. La biblioteca sarà il cuore del Festival, ospitando scrittori e letture anche notturne, e poi, se il tempo sarà alleato, ci allargheremo al belvedere».

Fuori chi legge: l’appuntamento è in biblioteca venerdì 24 gennaio alle 18.

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 22 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore