Pattinaggio Caronno Pertusella, una realtà che coniuga sport e aggregazione

La società è in costante crescita: un gruppo coeso e caratterizzato da tanti giovanissimi atleti

Generico 2018

Una realtà sportiva autofinanziata, costruita sui valori dell’unione e dell’aggregazione: l’A.S.D. Pattinaggio Caronno Pertusella è pronta per un nuovo anno all’insegna di gare, allenamenti e corsi aperti a tutti gli aspiranti pattinatori.

Nata nel febbraio del 1980, l’A.S.D. Pattinaggio è andata incontro ad una svolta nel 2016, con la dolorosa scomparsa dello storico presidente Bruno Mosca, simbolo e icona del pattinaggio caronnese. Nonostante ciò, con il nuovo presidente Lorenzo Colombo la società ha conosciuto negli ultimi tre anni una crescita esponenziale, che ha portato il numero degli iscritti da 6 a 23 atleti. E molti di questi sono giovanissimi: quasi la metà dei ragazzi ha infatti un’età compresa tra gli 8 e i 10 anni, e il più giovane tra gli atleti ha solo 7 anni. Gli altri ragazzi hanno tra i 12 e i 16 anni, con la sola eccezione di un “senior”, Luca, che di anni ne ha 26 e che rappresenta un punto di riferimento per i piccoli pattinatori.

La volontà di mantenere un gruppo di atleti della stessa età è un punto fermo nella gestione della società, anche se, come afferma Lorenzo Colombo, «questo purtroppo può andare a discapito della competizione». Ma alla base dell’A.S.D. Pattinaggio Caronno Pertusella vi è un forte spirito di aggregazione e di comunità, valori che da sempre si accostano soprattutto agli sport minori e attraverso i quali l’associazione sportiva sta riuscendo nell’intento di creare un gruppo sempre più coeso e soprattutto giovanissimo, sotto la guida di tre ex atleti e ora istruttori; e negli ultimi anni i risultati e le soddisfazioni, personali e collettive, non sono mancate.

Nella stagione del 2018 il gruppo ha infatti partecipato alla prestigiosa Coppa Europa, disputata nelle vicinanze di Innsbruck in Austria, mentre in ambito nazionale, 6 ragazzi hanno raggiunto la qualificazione ai campionati italiani su strada, e altri 5 si sono qualificati per gareggiare nei campionati italiani su pista. E per una di loro, l’immensa soddisfazione della convocazione ricevuta direttamente dallo staff della nazionale. Il 2020 sarà una nuova annata ricca di gare, che ogni anno sono almeno sette, e di trofei, che variano da un numero di 10 a 12 all’anno, tra cui il CNO, il Circuito Nord Ovest, una competizione a cui prendono parte le associazioni di pattinaggio di Piemonte, Lombardia e Liguria.

Si comincia il 31 gennaio, quando prenderanno il via i campionati Indoor a Pescara. Una serie di eventi a cui l’A.S.D. Pattinaggio si prepara attraverso un corposo programma di allenamenti, cinque a settimana, quattro per gli atleti più piccoli, e a cui si associano parallelamente i continui corsi di avviamento dedicati a tutti coloro che desiderano affacciarsi al mondo del pattinaggio su strada e su pista.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore