Quantcast

Piano per la prevenzione della corruzione: Ats spiega le linee guida

Un convegno, ospitato nell'aula magna dell'Insubria, per presentare concetti e strategie del triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2020-2022”

vincenzo marino

Trasparenza e legalità. In vista dell’approvazione del piano triennale, Ats Insubria ha organizzato un convegno per spiegare filosofia e strategia.

Il momento non è stato scelto a caso: « Il Piano triennale, pubblicato sul sito di ATS il 10 gennaio, è in visione fino al 31 gennaio – ha spiegato in apertura dei lavoro il Direttore Generale Lucas Maria Gutierrez – prima quindi che venga deliberato, in un’ottica di sensibilizzazione partecipativa: questa visione permette di valorizzare l’aspetto preventivo che si concretizza in un cambiamento culturale e valoriale».

L’incontro, svoltosi presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria a Varese, ha offerto l’occasione per presentare il “Piano di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2020-2022” che si configura come lo strumento che rende sistematico il processo di prevenzione del rischio, ne definisce gli obiettivi e il programma delle attività finalizzate all’effettiva applicazione delle misure.

Il tema della legalità è stato affrontato secondo una prospettiva bio-psico-sociale, con l’intervento di Vincenzo Marino, Medico Psicoterapeuta, Specialista in Psicologia Medica, Psichiatria che ha affrontato il tema dei comportamenti corruttivi con un approccio antropologico, fornendo spunti di riflessione su cause, effetti e strategie di prevenzione.

Il Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Varese Lorenzo Dalla Palma ha approfondito gli aspetti di carattere penale dei comportamenti corruttivi, trattando il tema della legalità, dalla definizione di corruzione all’analisi del fenomeno nella sua effettiva entità, secondo la prospettiva giuspenalista.

Il Direttore Sociosanitario di ATS Insubria Ester Poncato, presentando il sistema di gestione del rischio, a partire da quello corruttivo, e le misure proposte dall’Agenzia per contrastare possibili situazioni sintomatiche di cattiva amministrazione ha sottolineato che «la sensibilizzazione e l’empowerment sono la via maestra per mettere in atto comportamenti virtuosi e di buona amministrazione».

Gli interventi sono stati conclusi dal Responsabile Prevenzione Corruzione e Trasparenza, Daniela De Bernardi che ha illustrato il “Piano triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2020-2022”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore