Si è presentato in commissariato l’aggressore che aveva colpito con pugni e pistola urticante

Si tratta di un 45enne arrivato davanti ai poliziotti con il proprio difensore. Li ha condotti tra i campi vicino a Magnago dove aveva gettato la pistola a gas. È stato denunciato

Busto generiche

Ieri mattina, lunedì 13 gennaio, un uomo di 46 anni, cittadino italiano residente in provincia di Varese, è stato aggredito mentre a bordo di un’autovettura guidata da un conoscente si trovava in via per Samarate a Busto Arsizio.

II tenore della telefonata con la quale ha chiesto l’intervento del Commissariato della Polizia di Stato di via Ugo Foscolo era decisamente allarmante: la vittima, fu raccontato, avrebbe ricevuto dei colpi di pistola in pieno volto e subito dopo sarebbe stata violentemente picchiata da un individuo che, terminato l’agguato, si sarebbe dileguato.

La dinamica ricostruita della squadra Volante e dalla squadra investigative del Commissariato ha però evidenziato che l’aggressore, un pregiudicato italiano di 45 anni residente a Gallarate, subito identificato perché già noto alla vittima e riconosciuto dal testimone alla guida in una foto segnaletica mostratagli dei poliziotti, aveva lanciato con una pistola a gas del liquido urticante sul volto dell’aggredito per poi colpirlo alla testa con violenti pugni.

Trenta sono stati i giorni di prognosi per il quarantaseienne, che ha riportato la frattura del naso e un trauma cranico.

I poliziotti si sono messi immediatamente in cerca dell’aggressore che si è però reso irreperibile fino a questa mattina quando, accompagnato dal difensore di fiducia, si è presentato in Commissariato rendendo spontanee dichiarazioni, spiegando che la sua condotta violenta era stata causata da un contenzioso che lo scorso mese di ottobre lo aveva anche indotto a sporgere denuncia contro la vittima e, infine, portando i poliziotti nel luogo esatto – un campo tra Busto Arsizio e Magnago – in cui aveva gettato la “pistola”.

Questa, pur risultando in libera vendita, è state recuperata e sequestrata. II pregiudicato ha infine lasciato gli uffici di via Foscolo con una denuncia per esercizio arbitrario della proprie ragioni e lesioni personali aggravate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore