Varese e le sue ferrovie incontrano il sottosegretario ai trasporti

Sabato 1 nella Sala Upel si terrà un incontro con Salvatore Margiotta: organizzato dal PD Varesino, vedrà una folta rappresentanza di lavoratori, istituzioni e utenti

Rfi stazione varese

Sabato 1 Febbraio a Varese alle 11 nella Sala Upel in Via Como 40, accanto al palazzo della posta Centrale, si terrà un incontro con il Sottosegretario ai Trasporti e Infrastrutture Salvatore Margiotta.

All’incontro, organizzato dal PD città di Varese, dal titolo “Varese, Lombardia, Europa – Ferrovie, ferrovieri, viaggiatori” parteciperanno lavoratori, viaggiatori e organizzazioni sindacali del mondo ferroviario. Insieme a Margiotta ci saranno Davide GALIMBERTISindaco di Varese e Luca CARIGNOLA Segretario PD Città di Varese.

«In Lombardia sulla questione dei pendolari c’è grande dibattito – spiega Pino Tuscano, della segreteria PD di Varese, moderatore dell’incontro e mente dell’iniziativa – Come partito democratico vogliamo partire da Varese, diventata una stazione internazionale, per rivalutare il trasporto ferroviario, rendendolo più efficiente».

Tra le proposte che verranno dibattute nella giornata di sabato c’è innanzitutto «Il collegamento con Milano Centrale – prosegue Tuscano – Noi proponiamo due treni all’andata e due al ritorno, in orari da pendolari: dal punto di vista tecnico è possibile, ma ci vuole una volontà politica, perchè questa scelta deve entrare nel contratto di servizio tra regione Lombarda e Trenord».

Inoltre: «Noi proponiamo che si aumenti la sicurezza a difesa dei lavoratori, ora oggetto di aggressioni: si tratta di 7/10 aggressioni al giorno in Lombardia, e 6600 allontanamenti al mese sui treni per mancanza di biglietto o per altri motivi. Per questo chiediamo videosorveglianza sui treni, e anche nelle stazioni RFI, con una centrale unica di controllo, e proponiamo squadre di vigilantes ferroviari nelle stazioni».

Nell’incontro si affronterà anche il tema della rappresentanza: «Proponiamo inoltre che nel nuovo consiglio di amministrazione di Trenord sia studiata la possibilità di far partecipare i rappresentanti dei lavoratori, una rappresentanza che in molti altri paesi è garantita – sottolinea Tuscano – Proponiamo la costruzione del terzo e quarto binario da Rho a Gallarate, per evitare i ritardi continui: un “quadruplicamento” che è già al vaglio del Cipe. E chiediamo di non sopprimere le biglietterie».

Infine «Pur sapendo che il sistema italiano di manutenzione è uno dei più sicuri in Europa, vogliamo che sia messo in pratica in Lombardia con un piano concertato tra le aziende coinvolte in Trenord: per poter meglio definire le responsabilità delle manutenzioni stesse – continua Tuscano – Argomenti fondamentali per l’azienda, visto che nel 2017 ha ricevuto 14mila reclami, e 8600 mail, che gli operatori del contact center hanno ricevuto 141 mila richieste. Le soppressioni sui treni nel 2018, al netto degli scioperi, sono cresciute fino a toccare una media di 80-100 treni al giorno: nel periodo precedente la media era di 20-30 treni. Un dato che ha fatto lievitare la richiesta di bonus, da parte dei viaggiatori coinvolti».

Per questo «Chiederemo al sottosegretario un tavolo per la Lombardia dove partecipano Regione, istituzioni locali, e rappresentanze di lavoratori e viaggiatori»

All’incontro interverranno Luca STANZIONE Segretario Generale FILT CGIL Lombardia, Giovanni ABIMELECH Segretario Generale FIT CISL Lombardia, Aldo PALLUOTTO Segretario Generale UILTRASPORTI Varese, Giuseppe DAVOLA Rappresentante Sindacale Unitario, Antonio SCALISE Biglietteria Trenord Varese, Roberto PALMAS Rappresentante Sindacale Aziendale, Rocco PUCCIARELLI Rappresentante Sindacale Unitario.

Con loro, saranno presenti anche Alessandro ALFIERI senatore, Samuele ASTUTI Consigliere Regionale Lombardia, Giovanni CORBO Segretario Provinciale PD Varese, Andrea CIVATI Assessore Trasporti Varese.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 31 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore