Gli allievi del De Amicis incantano il Melo con “I promessi sposi”

I piccoli attori dell'istituto De Amicis di Gallarate hanno portato in scena il capolavoro manzoniano

allievi del de amicis in i promessi sposi

I ragazzi dell’istituto comprensivo del De Amicis di Gallarate hanno regalato risate ed emozioni al pubblico del Melo con I promessi sposi di Alessandro Manzoni.

Giovedì 13 febbraio, infatti, si sono esibiti gli attori del laboratorio teatrale della secondaria, ideato dalla professoressa Ileana Ridolfo – che ha riveduto il testo manzoniano – e sostenuto dalla dirigente, Barbara Pellegatta. Ha presentato l’evento Cinzia Spanò, presidentessa dell’Associazione Genitori dell’Istituto Ge.De.A.

Uno spaccato della nostra regione, un ricordo della dominazione spagnola, della peste e di come la Lombardia è risorta dalle sue ceneri, nel trionfo dell’amore, in un anticipo di San Valentino. Il De Amicis, per questa rappresentazione, ha attinto attori dall’intero Istituto per sottolineare l’importanza di una vision in verticale della scuola: Valentina Barlocco (nel ruolo di Lucia), Emanuele Pepli (Renzo), Riccardo Pinton (Don Abbondio), Gaia De Caro (la monaca di Monza), Olivia Bianchi e Miram De Tommaso (Cecilia e sua madre). I piccoli attori hanno gioito e pianto per le loro sorti, fatto sorridere e commuovere la platea, ricordando loro una vicenda della Lombardia del Seicento, tanto studiata (e spesso odiata) ai tempi perduti della scuola.

Presenti sul palco anche i bambini del laboratorio “Danze dal mondo” della primaria di Cedrate, che hanno ballato sulle note della danza lombarda “La Monferrina”. Special guest nel ruolo delle due bambine in scena, la piccola Gertrude (Elena Brucato della primaria di Cedrate) e Cecilia (Olivia Bianchi della primaria di Sciarè).

Non sono mancati gli ex alunni del De Amicis che, pur avendo lasciato la scuola media, restano legati, in un legame di cuore, all’ambiente che li formati e visti crescere. Ospite d’eccezione Marco Pangallo, accompagnato al piano da Camilla Rossi: entrambi ex alunni del De Amicis, dal Conservatorio di Milano hanno raggiunto il teatro del Melo per regalare al pubblico una magnifica interpretazione di “Se”, di Ennio Morricone, tratta dal film Nuovo Cinema Paradiso.
Il risultato di questo mix è una esperienza emozionante che abbraccia l’arte, la letteratura, la musica e la danza riscoprendo i talenti dei ragazzi.

La dirigente scolastica ha chiuso l’evento lodando gli alunni del De Amicis, quelli di “oggi e di domani”, ricordando che il teatro è emozione. Breve ma intenso l’intervento di Antonio Conticello, ormai spettatore fisso delle
opere teatrali del De Amicis, che si è congratulato con la scuola perché, tramite, questo progetto, si è dimostrata capace di trasmettere la voglia di riscoprire il testo manzoniano.
Attorno al progetto hanno ruotato tante collaborazioni: i genitori sempre pronti a realizzare costumi e oggetti di scena, il fonico, Mirco Guida e i suoi aiutanti alle luci, il prof. Ridolfo, che regala le sue opere per le locandine, le insegnanti Manuela Scandroglio, Gabriella Cogo e Pietro Mandanici.

di nicole.erbetti@gmail.com
Pubblicato il 14 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore