Gli studenti toscani “in trasferta” a Volandia per restaurare i treni di Ogliari

Grazie al vulcanico generale Pietrangeli una scuola tecnica di Arezzo sarà ospite al museo: conferenze a tema ferroviario al mattino e poi i restauri su due locomotive della collezione Ogliari

Generico 2018

Nei giorni è stato completato il restauro esterno di un tram “Ventotto” di Milano, ma a Volandia sono ancora numerosi i “pezzi” della collezione Ogliari che attendono un paziente recupero.

E ora ad avviare il restauro di treni, tram e veicoli speciali arriveranno anche gli studenti della Toscana, per la precisione i ragazzi dell’Istituto Tecnico Professionale Statale “Teucci -Cheli” Trasporti e Logistica di Arezzo.

L’iniziativa si concretizzerà tra meno di un mese – dal 9 al 19 marzo – per merito del vulcanico generale in ausiliaria Mario Pietrangeli. «Sono frequenti gli interventi dei ragazzi delle scuole aeronautiche per il recupero degli aerei da esporre. A me hanno chiesto di occuparmi dello stage nel settore ferroviario» spiega Pietrangeli, che è stato comandante del Reggimento Genio Ferrovieri dell’Esercito Italiano, ormai da oltre vent’anni unità unica in Europa per specializzazione.

La presenza della scuola di Arezzo in realtà fa parte di un progetto ampio, che prevede anche una serie di conferenze alla mattina: «Abbiamo coinvolto l’AEC, l’associazione europea dei ferrovieri, la Utenti Trasporto Pubblico con Massimo Ferrari, l’associazione Ferrovie Turistiche Italiane che gestisce la linea Palazzolo sull’Oglio – Paratico-Sarnico». Conferenze che saranno aperte anche ad altre scuole, appassionanti, studenti universitari.

Dopo gli incontri mattutini, al pomeriggio (e nell’intera giornata di venerdì) i ragazzi saranno impegnati nei restauri, con il coordinamento di Mauro Anzani e Bruno Maccari, attivi con il gruppo ferrotranviario di Volandia. Due i pezzi prescelti per il restauro, una locomotiva a vapore e la locomotiva E554.078, tra i pochi esemplari rimasti del sistema di elettrificazione trifase che un tempo caratterizzava soprattutto le linee del Piemonte e della Liguria.

 

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 18 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore