Il parlamento approva un ordine del giorno per risolvere il “caso targhe”

Enrico Borghi: “Abbiamo più volte sensibilizzato l'aula sull'argomento"

Lavena Ponte Tresa - Completata la riqualificazione dell'area doganale

La Camera vuole risolvere il “caso targhe”, causato dal primo decreto sicurezza. Vietando ai residenti in Italia di guidare auto con targa straniera la norma ha creato diversi problemi alle aziende di confine e ai dipendenti delle stesse.

Dopo una richiesta di modifica non recepita, attraverso il decreto “milleproroghe”, il deputato di Forza Italia, Giorgio Mulè, ha proposto un ordine del giorno che ha raccolto il consenso di tutti.

“Finalmente la maggioranza ha avuto un sussulto di adesione alla realtà, impegnandosi ad adottare tempestivamente gli opportuni interventi per risolvere il problema” ha commentato Mulè.

Sulla questione è intervenuto nella discussione anche l’onorevole ossolano Enrico Borghi: “Abbiamo più volte sensibilizzato l’aula sull’argomento, finalmente si è dato un chiaro indirizzo per venire incontro ai lavoratori penalizzati dal provvedimento”.

Ora la speranza è che si arrivi quanto prima ad una soluzione.

di redazione@vconews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore