ViviAmo Induno Olona: “Dal Centro destra insinuazioni e ostruzionismo sospetto”

La maggioranza risponde al comunicato diffuso dal gruppo di opposizione, puntualizzando alcune questioni, a partire dal centro sociale Rebelot

Induno Olona - primo consiglio comunale giugno 2019 - foto Luca Leone

(Foto di Luca Leone) – E’ sempre caldo il dibattito politico ad Induno Olona, dove negli ultimi giorni tra la maggioranza guidata da ViviAmo Induno Olona e il gruppo Centro destra per Induno all’opposizione, c’è stato un intenso scambio di comunicazioni “a mezzo stampa”. Dopo la nota diffusa dal Centro destra oggi ribatte la maggioranza, con un comunicato che pubblichiamo integralmente:

La polemica politica dei giorni scorsi, sollevata da alcuni esponenti della minoranza, in risposta a una lettera in cui il nostro capogruppo Tortosa intendeva – a buon titolo – fare il punto della situazione amministrativa, richiede una presa di posizione della nostra Lista ViviAmo Induno, anche a fronte delle reiterate insinuazioni che le opposizioni continuano a fare su argomenti che interessano la popolazione indunese e risultano infondate.

Se è vero che “ogni animale fa il suo verso”, come dicevano i nostri antenati contadini, è dunque del tutto legittimo che l’Amministrazione porti avanti con orgoglio il suo discorso di gestione della Cosa pubblica, secondo il programma approvato dagli elettori, ed è altrettanto giusto che l’opposizione svolga il suo ruolo di controllore, ruolo nobile cui è stata delegata – non più tardi di otto mesi fa – dalla stragrande maggioranza dei cittadini indunesi.

Tuttavia osserviamo che negli ultimi mesi, in corrispondenza con l’avvio dell’inchiesta giudiziaria che ha coinvolto il Comune, i cui effetti diretti e indiretti hanno fisicamente impoverito l’organico degli uffici comunali, specialmente in alcuni settori come Lavori Pubblici, Segreteria e Urbanistica, costringendo contestualmente funzionari e impiegati a un super-lavoro di supplenza di chi manca (impegno che stanno svolgendo con professionalità e senso del dovere, per cui noi sentiamo di far loro un grande ringraziamento, a nome della cittadinanza), i signori dell’opposizione hanno moltiplicato le loro richieste di accesso agli atti, esposti, interrogazioni. Tutte azioni lecite – ribadiamo – ma che in questo momento hanno secondo noi lo scopo principale non di saperne di più, ma di intasare la macchina comunale.

A tali istanze sugli argomenti più disparati, infatti, gli Uffici sono tenuti a dare in termini di legge risposte veloci, puntuali e documentate, quindi spesso non semplici da approntare con il necessario approfondimento. Ne deriva quindi che questa attività, se le richieste sono soverchianti, divenga prioritaria per gli uffici rispetto ad occuparsi dell’ordinaria amministrazione, con ritardi che possono ripercuotersi nei servizi alla cittadinanza tutta. Niente di illegittimo fanno e chiedono quindi i Consiglieri di minoranza, ma noi contestiamo una questione di tempismo, a dir poco sospetto. Per dirla chiaramente, poniamo una domanda: in questo periodo difficile per gli Uffici comunali, le opposizioni cercano il bene della comunità tutta, o cercano solo di speculare sul momento, per mettere in difficoltà l’Amministrazione e incrinare l’immagine di efficienza di chi governa il paese? Lasciamo che la risposta la diano i Cittadini.

Tutto questo detto, entrano poi in gioco gli argomenti che vengono abitualmente sollevati dalla minoranza: oltre al gazebo della Proloco – che al di là del merito è la dimostrazione lampante di quanto si stia ragionando di “piccole cose”, del tutto ininfluenti rispetto alle vere priorità del paese – torna fuori nella replica della minoranza il discorso del Centro Ricreativo Rebelot, che è vero fumo negli occhi per certi consiglieri d’opposizione. E’ stato un tema di campagna elettorale, l’elettorato si è espresso in termini inequivocabili sui temi e sulle persone ma… temi e persone oggi sono sempre quelle di prima delle elezioni: la storia non è maestra, in questo caso. A noi non resta quindi che ripetere, per l’ennesima volta, la realtà dei fatti.

E dunque ribadiamo quanto hanno più volte dichiarato il Sindaco e l’Amministrazione. Al Rebelot tutto è in regola: A.T.S.(Azienda Tutela Salute), Vigili del Fuoco, Ufficio Tecnico Comunale non hanno avuto nulla da eccepire sulla sicurezza dei locali; alcuni esponenti della minoranza, consiglieri e non, hanno addirittura fatto qualche mese fa un illecito blitz notturno all’interno dello stabile, per fotografare e denunciare (tramite pubblicazione su compiacenti pagine Facebook) immaginarie illegalità, che puntualmente non si sono rivelate tali. Se la strategia è quella di impaurire illogicamente chi frequenta con piacere quel luogo, che come scriveva il nostro capogruppo nella sua lettera, rappresenta un bel successo della prima Amministrazione Cavallin, la minoranza indunese secondo noi continua a sbagliare strada.

Contrariamente a quanto succede nelle fila della minoranza, che perde i pezzi addirittura in Consiglio Comunale, la nostra Lista ViviAmo Induno, i simpatizzanti, i Consiglieri Comunali e tutti coloro che affiancano il nostro Sindaco Marco Cavallin sono compatti nel sostenere l’Amministrazione, i suoi valori e i suoi progetti per Induno, anche in questo momento di oggettivo – ma transitorio – affaticamento.

L’Amministrazione è attiva nei tanti settori vitali per un paese, al lavoro per risolvere le questioni aperte: pensiamo alla Scuola, ai Servizi sociali, alla Cultura, alla parte che tira le fila di un bilancio sano e pronto a fronteggiare le necessità dei cittadini e che a breve verrà presentato. Anche nel settore delle Manutenzioni e delle Opere Pubbliche, i grandi cambiamenti progettati negli anni scorsi daranno buoni frutti, siamo consapevoli che tutti i grandi cambi di prospettiva (e la mobilità dolce per il nostro paese è certamente uno di questi) non sono facili né da pensare, né da attuare, né da capire in corso d’opera, come testimonia la facile ironia che alcuni fanno sull’argomento. Ma la differenza tra chi ha una visione e chi no, è proprio nel sapere scavallare queste difficoltà e vedere il traguardo.

La lista ViviAmo Induno Olona

di
Pubblicato il 03 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore