Castiglione Olona piange la scomparsa di Flavio Limido, amico vero del paese

Il sindaco e l'Amministrazione comunale ricordano l'imprenditore, amministratore e benefattore attento ai bisogni del paese e dei suoi concittadini

Generico 2018

Castiglione Olona piange la scomparsa di un concittadino che fino all’ultimo è stato protagonista della vita della comunità, e amico vero del paese.

Ieri, domenica 29 marzo, si è spento il ragionier Flavio Limido, industriale, ex consigliere comunale e benefattore.

«Flavio Limido nel corso della sua vita ha sempre saputo dimostrare grande impegno e dedizione per Castiglione Olona e per tutti i castiglionesi – dice il sindaco Giancarlo Frigeri –  In questi giorni, in cui non ci è possibile poterlo salutare con una normale celebrazione, vogliamo stringerci attorno alla sua famiglia, dimostrando tutto il nostro affetto e la nostra vicinanza per la perdita di un cittadino che tanto ha fatto per il suo paese».

«Grazie Flavio, Castiglione Olona ti ricorderà sempre e ti porterà nel suo cuore. Non si hanno parole, in questo momento, per esprimere tanto cordoglio, ma solo ricordi, molti ricordi che affiorano alla nostra mente – scrivono in un messaggio gli attuali amministratori e i rappresentanti della passata amministrazione, con l’ex sindaco Emanuele Poretti e l’allora assessore alla Cultura Graziella Magnoni – La sua è stata una vita lunga, operosa, di strenuo e continuo lavoro, di intraprendenza, di progettazione e di studio».

Sempre vicino alla Comunità castiglionese, è stato consigliere comunale nel periodo della rinascita nel secondo dopoguerra, industriale attivo e attento ai bisogni del territorio come ai bisogni dei suoi dipendenti e delle loro famiglie: «Anche In questi anni della sua meritata pensione, non ci faceva mancare le sue osservazioni, i suoi consigli e le perplessità sulle scelte operate. Esprimeva in modo accorato due particolari attenzioni: il futuro dei giovani per i quali elaborava progetti che indirizzava alle scuole, alla biblioteca e la rinascita di Castiglione come città d’arte e di turismo. Rimangono le opere che ci ha aiutato a realizzare, le ultime per tutte: l’impianto di video sorveglianza in Via Monte Cimone, i restauri in Palazzo Branda Castiglioni e in Collegiata, i libri alla cui stampa ha collaborato e tanti e tanti altri interventi che, in silenzio, ha sostenuto e continuava a sostenere».

«Alla moglie Eugenia, che Flavio adorava, e ai figli porgiamo le nostre condoglianze. Li abbracciamo, consapevoli che in questo triste momento, non possiamo presenziare ai riti funebri come Flavio avrebbe meritato da parte della sua Castiglione».


di
Pubblicato il 30 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore