Lavoratori delle pulizie esclusi dalle scuole: protesta in prefettura

Non una manifestazione ma un'iniziativa simbolica, dato il divieto di assembramento, per ribadire la necessità di assumere i lavoratori rimasti esclusi

Sciopero e corteo della Cub

Dalla scorsa settimana sono stati “internalizzati” i lavoratori che si occupano delle pulizie nelle scuole di tutt’Italia. Anche in molti istituti superiori varesini i dipendenti sono entrati nella Pubblica Am,ministrazione ma rimane una quindicina di ex operatori esclusa per mancanza dei requisiti richiesti dal Ministero.

Da tempo il sindacato Cobas Cub conduce una battaglia perché anche questi lavoratori, in tutto 5000, possano essere assunti. La loro esclusione è legata alla mancata di due requisiti: anzianità di lavoro di 10 anni e  certificato di terza media. Soprattutto quest’ultima certificazione si è cercato di ottenerla “in corsa” ma il titolo è arrivato il mese scorso, fuori tempo massimo.

Per ribadire “l’ingiustizia” di questa esclusione il sindacato di base ha indetto una piccola manifestazione, senza assembramenti e con un limitato numero di persone come previsto dal decreto ministeriale a causa del Covid19, che si presenterà al Prefetto Ricci.

La presenza simbolica, come ha ribadito Eugenio Busellato del Cobas Cub, avverrà mercoledì 4 marzo alle ore 10.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore