Niccolò Invidia: “Sto lavorando per riaprire il valico di Zenna”

Le parole del portavoce del Movimento 5stelle alla Camera dei Deputati e membro della Commissione Lavoro

Sequestri al valico di Zenna

«Si lavora per la riapertura del valico di Zenna, fatto non soltanto illogico ma un’offesa a chi lavora per fornire l’imprescindibile a quel territorio»

Le parole sono di Niccolò Invidia, portavoce del Movimento 5stelle alla Camera dei Deputati e membro della Commissione Lavoro «Questi frontalieri fanno lunghi turni in ospedale o per riempire gli scaffali dei supermercati del ticino e poi devono aggiungere un’ora o più di viaggio inutile perchè si è deciso che è più comodo non tenere una frontiera aperta per loro».

Dopo la sua segnalazione: «Le autorità ticinesi e dell’ambasciata si sono adoperate per risolvere la questione che resta in capo a Berna – continua Invidia – Ho avuto poi modo di scrivere ad alcune autorità bernesi perchè si adoperino alla riapertura di quel paio di frontiere della provincia imprescindibili per chi ogni mattina va a garantire i servizi ticinesi. Come è noto sono per la chiusura dei valichi tranne che per il personale medico e di poche altre fattispecie, ma l’attuale situazione di disservizio pare essere da parte di Berna quella di chi vuole la botte piena e la moglie ubriaca. E’ davvero un po’ troppo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore