“Non riuscivo a respirare: ho pensato di essere arrivato al tramonto della mia vita”

La storia di Alessandro, ricoverato per quasi venti giorni all'ospedale di Varese in condizioni critiche. La paura di non riuscire a riabbracciare la moglie e la figlia e il pensiero di domani, difficile, ma diverso

Dopo quasi tre settimane Alessandro rientra a casa. Ha superato la crisi respiratoria grave provocata dal coronavirus e può lasciare il reparto degli infettivi all’ospedale di Varese.

Un’esperienza davvero intensa che lo ha messo a dura prova facendogli riscoprire alcuni valori . Alessandro ha raccontato i momenti difficili, la scoperta della malattia, il respiro che si faceva sempre più corto, e poi la mancanza di ossigeno, una sensazione che lo ha portato a pensare di essere arrivato al “tramonto della sua vita”.

Alessandro racconta tutto con grande lucidità perché vuole che nessuno sottovaluti il rischio e tutti capiscano che con questo virus non si può scherzare

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore