Sos Valbossa: “Grazie delle donazioni. Ora vi portiamo la spesa a casa”

Sono molti gli aiuti arrivati per acquistare mascherine, tute e disinfettanti. Per "ricambiare" i volontari consegneranno a casa spese e farmaci. E' ancora possibile donare, ecco come fare

Sos Valbossa

“Nessuno si salva da solo”. Queste parole pronunciate da Papa Bergoglio durante la preghiera di venerdì 27 marzo, ci aiutano a raccontare queste ultime settimane passate in associazione.
Noi del SOS della VALBOSSA di Azzate, ci occupiamo di servizi di emergenza/urgenza con una postazione 118 H24 7 giorni su 7, oltre che a servizi di trasporto e assistenza sanitaria non urgente.

L’emergenza in corso ci tocca in prima persona, ci chiama ad essere in prima linea, mettendo in campo quante più risorse ed esperienza possibili; ma ci ha portato anche ad interrogarci su quali siano, in un contesto come l’attuale, altri modi per poter portare aiuto e vicinanza alla popolazione.
Pochi giorni fa abbiamo lanciato #TudaLontanoNoidaVicino!, una campagna di raccolta fondi per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale, indispensabili per fronteggiare il contagio dal Coronavirus.
La risposta è stata immediata e entusiasmante: ci ha commosso, e giornalmente ci dà l’energia per esserci…
Con queste donazioni abbiamo acquistato mascherine, camici, tute protettive, occhiali, guanti e materiali per le sanificazioni, e dovremo, purtroppo, acquistarne ancora.

Eccoci pertanto a voler ringraziare tutte le persone che con tanto o poco ci hanno aiutato.
E ringraziamo, fin d’ora, tutti coloro che prossimamente lo faranno con bonifico a Banca Intesa IT22 F030 6909 6061 0000 0062288 con causale Covid-19.
Tutte le donazioni sono detraibili al 35% ai fini IRPEF.

Ma oltre al denaro, significative sono state anche le donazioni in natura che ci sono arrivate. L’elenco è lungo: TD di Galliate Lombardo ci ha donato una idro pulitrice; Vedani di Besozzo, la Varesina Emergenza e Servizi & Innovazioni la sanificazione di mezzi e sede; Pizza Più di Daverio e la pizzeria La Torretta di Azzate ci donano le pizze agli equipaggi in servizio.
E poi i dipendenti e il direttore del negozio Acqua e Sapone di Venegono del prezioso alcool; La Farmaceutica di Castronno, la Farmacia di Buguggiate, lo studio Dottor Paris, la Global Forum Service di Solbiate Arno, e, addirittura una società cinese, la MD di Hangzhou che ci ha donato centinaia di preziose e introvabili mascherine.
E ancora le Associazioni di Buguggiate: Santa Caterina, L’Alveare, e l’Associazione Anziani; il Gruppo Alpini di Azzate; il Corpo Musicale di Villadosia; La Focale di Buguggiate, … e l’elenco è lungo e ci riempie il cuore!
Le parole non bastano per dirvi la nostra più sincera riconoscenza. Nessuno (si) salva da solo: ci permettiamo di mettere tra parentesi la particella riflessiva, perché mai come adesso siamo chiamati a “salvare”, ma da soli faremo ben poca strada e abbiamo ancora bisogno dell’aiuto di tutti voi.

Abbiamo però pensato ad un modo che vuole provare a ricambiare questo affetto.
Da, oggi, lunedì 30 marzo i nostri volontari saranno disponibili per un servizio di consegna a domicilio di generi alimentari e farmaci. Un servizio gratuito durante questa emergenza, rivolto a tutte le persone in difficoltà o impossibilitate ad uscire.
Contattateci al 345 – 7158304, dalle ore 9 alle 17.
Grazie a tutti
SOS della VALBOSSA – Azzate

pagina Facebook: Sos Valbossa

di
Pubblicato il 30 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore