Il Circolo Gagarin lancia una raccolta fondi: “Siamo chiusi da febbraio, aiutateci a pagare l’affitto”

Il Circolo di Busto Arsizio è chiuso ormai dal 23 febbraio "quando a nessuno era ancora perfettamente chiara l’entità del dramma". Ma ora per andare avanti chiede un aiuto

Generico 2018

Una raccolta fondi per proteggere quanto costruito con anni di fatica: la propria sede. È la nuova iniziativa del Circolo Gagarin di Busto Arsizio che chiama a raccolta tutti per sostenere la realtà di cultura e aggregazione chiusa ormai da un mese e mezzo.

“Il Circolo è ormai chiuso dal 23 febbraio -si legge nel post diffuso-. Siamo stati tra i primi a decidere di chiudere, quando a nessuno – noi compresi – era ancora perfettamente chiara l’entità del dramma in cui, in quei giorni, stavamo solo mettendo la punta dei piedi. Come tutti, seguiamo l’evolversi della situazione e tentiamo di collocare il minuscolo tassello che la nostra esperienza associativa rappresenta in questo gigantesco puzzle. Come tutti, siamo nell’incertezza: le possibilità di riapertura in questa stagione sono ridotte al minimo, più probabilmente azzerate se vogliamo sbilanciarci in un pronostico realista. Non solo, le modalità di riapertura nel futuro, in quella “fase 2” di cui tutti parlano, sono ancora del tutto nebulose. Si riaprirà un giorno, ma in che modo? Con quali vincoli?

Ora però “l’incertezza maggiore però trascende da elementi oggettivi e dall’estrema emergenza reale del presente, e riguarda qualcosa di molto più profondo del social distancing, degli strumenti di contingenza, della riprogrammazione di questo o quel concerto/iniziativa/corso/incontro: ha a che fare con il senso stesso di un’esperienza sociale come la nostra, con i modelli che ha utilizzato finora e con quelli in cui, volente o nolente, era immersa. Saremo in grado di percorrere una strada di cambiamento, di ripartenza? Non lo sappiamo, ma abbiamo la certezza di volerci provare, certi che gli spazi di incontro possano essere motore di un processo di salvaguardia e futuro rinforzo del senso di comunità, per quanto piccola essa possa essere”.

Nell’affrontare questa sfida la prima necessità è quella di mantenere le spese fisse del circolo. “Per farlo, per poter rimanere sul pezzo e provarci, abbiamo bisogno in primo luogo di tutelare e mantenere ciò che negli anni, a costo di grandi fatiche, ci è servito come fondamento: la nostra sede, il Circolo Gagarin, e la nostra organizzazione, basata sul legame per noi inscindibile tra lavoro e volontariato. Abbiamo attivato una raccolta fondi che ci servirà per arrivare un po’ più in là nel tempo, evitando che alcuni di noi si dissanguino economicamente e potendo arrivare agli scenari di domani con più energia possibile, fisica e mentale”.

Puoi contribuire partecipando alla raccolta fondi in stile crowdfunding clicca qui https://circologagarin.bigcartel.com mentre per altre forme di sostegno clicca qui http://www.circologagarin.it/sostieni

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore