Il diario di classe in quarantena: “Prima eravamo felici, poi…”

I ragazzi di prima media di Maccagno raccontano come trascorrono queste giornate in casa, tra videogame, videochiamate e tanta voglia di potersi riabbracciare

Maccagno - Prima media sul Treno scuola

Quello che segue è “Il diario della Quarantena” realizzato dalla classe prima della Scuola secondaria di primo grado “L. da Vinci” di Maccagno. “In questi lunghi giorni Alice Comandini, ha provveduto a sintetizzare quanto riferito da tutti i compagni – spiega l’insegnante Marzia Malesani – Per il bene comune i ragazzi vivono in casa e si impegnano nelle attività didattiche, ma come tutti , desiderano tornare al più presto  a giocare, a studiare, a crescere senza limitazioni di movimento”.

Diario di classe durante la Quarantena
Siamo in una situazione un po’ strana, è dal 23 Febbraio che non andiamo più a scuola, all’inizio eravamo tutti felici di poter anticipare le vacanze di carnevale di qualche giorno, poi però ci siamo resi conto che le scuole continuavano a rimanere chiuse, non potevamo più uscire con i nostri amici, dovevamo starcene chiusi in casa e solo mamma o papà possono uscire solo ed esclusivamente una volta alla settimana per fare la spesa o per portare fuori il cane.
Niente più calcio, danza, basket o atletica… Ci incontriamo solo grazie ad un computer, in casa nostra. Certo, abbiamo più tempo da dedicare a noi stessi, migliorarci nello sport che pratichiamo, stare con la famiglia, iniziare qualche serie T.V, cucinare, leggere un buon libro, giocare a un videogame, ma dopo un po’ non ne possiamo più di restare tutto il giorno nel letto…
Ci manca la vita di tutti i giorni, ci manca poter abbracciare i nostri amici, sì siamo molto fortunati, perché con i telefoni possiamo collegarci e parlare con le persone a cui si vuole bene, però non è la stessa cosa, di solito non sei separato da uno schermo, di solito puoi saltare loro addosso, fare scherzi, abbracciarle… Ci manca molto anche la scuola, i nostri professori, è una bella cosa poter stare collegati on-line, e diciamo loro grazie per farci queste lezioni, anche se è un po’ strano farle siccome i nostri compagni non sono qui con noi… Anche se i compiti sono tanti, sappiamo che recupereremo quest’anno e che quando si potrà di nuovo uscire, assaporeremo ogni istante e saremo felici di aver superato anche questa e ricordiamo: #andràtuttobene #iorestoacasa

di
Pubblicato il 02 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore