Da maggio la comunità pastorale della Valcuvia sarà dedicata a San Giovanni Paolo II

La notizia è stata data a margine della celebrazione della messa di Pasqua sul sagrato della chiesa di San Giuliano e Balivissa dal parroco di Cuvio don Lorenzo Butti. Nella valle risuonano le note del "Nessun dorma"

messa pasqua duno

Sei comuni per sette parrocchie con don Lorenzo nella chiesa di Duno dei santi Giuliano e Basilissa. La celebrazione della Pasqua in Valcuvia porta una bella notizia, la  comunità pastorale che comprende Canonica, Duno, Cavona, Rancio Valcuvia, Cassano Valcuvia, Ferrera porterà il nome di San Giovanni Paolo II dal prossimo mese di maggio.

La breve ma intensa cerimonia che si è svolta all’esterno della chiesa nel piccolo centro valcuviano, porta con sé il seme della rinascita spirituale e della vita di comunità che va avanti e guarda già oltre la pandemia causata dal coronavirus.

La voce della cantante, Primavera Ferrari, che ha cantato “Nessun dorma” dalla Turandot e le parole del parroco di Cuvio don Lorenzo Butti, che ha ricordato le vittime del virus, si è sparsa nella valle sottostante e alla presenza del vice sindaco di Duno Domenico Scarcella e dei sindaci Simone Egidio Castoldi (Rancio Valcuvia), Enzo Benedusi (Cuvio), Francesco Paglia (Cuveglio), Marina Salardi (Ferrera di Varese) e Serena Barea (Cassano Valcuvia).

Da Duno una celebrazione con i comuni della Valcuvia

Pubblicato da VareseNews su Domenica 12 aprile 2020

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore