“Presunzione d’innocenza,ma da Cassani ingenuità o opportunismo politico”

Rocco Longobardi, consigliere di minoranza di La Nostra Gallarate 9.9, interviene all'indomani della notizia della conclusione indagini per l'inchiesta Mensa dei Poveri

Rocco Longobardi

«Nel momento in cui verrà formalizzato il rinvio a giudizio del sindaco Andrea Cassani, per turbativa d’asta, in merito alle note vicende collegate all’inchiesta Mensa dei Poveri, che tanto danno hanno recato all’immagine della città di Gallarate, sarà impossibile, per il sindaco stesso, esimersi da una seria riflessione su quanto accaduto».

È la riflessione di Rocco Longobardi, consigliere di minoranza di La Nostra Gallarate 9.9, all’indomani della notizia della conclusione indagini per l’inchiesta Mensa dei Poveri.

«La vicinanza umana per chi si trova coinvolto in vicende giudiziarie è d’obbligo, così come la presunzione d’innocenza sancita dal nostro ordinamento.  Detto ciò il giudizio politico non può che essere altrettanto deciso: il sindaco ha, al netto del proseguo della vicenda giudiziaria, peccato di grandissima ingenuità, o di maldestro opportunismo politico, a seconda di come la si guardi, collocando in posizioni chiave dell’amministrazione cittadina, personaggi ampiamente compromessi, e dei quali ben poteva immaginare gli scopi e le modalità». Riferimento che sembrerebbe in particolare rivolto alla nomina dell’assessore Alessandro Petrone, peraltro subentrato a Orietta Liccati, indagata in altra inchiesta (quella di Lonate Pozzolo).

«Questo è ciò che conta, e di questo il sindaco, al quale va il nostro sincero augurio di chiarire la sua posizione, dovrebbe rispondere, traendo le necessarie e inevitabili conclusioni politiche.  Tra poco a Gallarate comincerà la campagna elettorale per le elezioni amministrative del prossimo anno: un candidato sindaco sotto processo non è quello che oggi ci si aspetta da una politica responsabile».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore