Sorpresa: un parcheggio per bus al posto del cantiere delle stazioni in viale Milano

Si tratta di una soluzione temporanea: gli spazi bus in piazzale Kennedy saranno infatti utilizzati dalle bancarelle non alimentari del mercato, quando riaprirà totalmente nella fase due

I parcheggi per i bus in viale Milano a Varese

Sorpresa: il cantiere delle stazioni in viale Milano, di fronte alla sede di Confartigianato, è stato smantellato e ha lasciato il posto a un parcheggio con strisce gialle e la scritta “bus”.

A occupare quello che nel progetto originario doveva essere un parcheggio per auto con del nuovo arredo urbano (in realtà lo diventerà, ma solo fra qualche mese) ci sono ora gli spazi per i capolinea dei bus extraurbani che ora sono in piazzale Kennedy, ma presto dovranno essere spostati.

Responsabile di questo  “sfratto” inatteso è l’emergenza Covid-19, che stravolgerà spazi e dimensioni del mercato di Varese: le direttive per la fase 2, anche se non ancora delineate, prevederanno infatti dei maggiori distanziamenti tra le bancarelle, e renderanno necessario anche lo spazio dove ora fermano i bus. Quando il mercato tornerà a lavorare a pieno regime, perciò, le fermate degli autobus extraurbani si sposteranno nel nuovo parcheggio temporaneo di viale Milano, per massimizzare così gli spazi sul piazzale.

I parcheggi per i bus in viale Milano a Varese

Non è ancora chiaro quando si renderà necessario questo maggiore spazio, e quando perciò si sposterà la fermata dei bus: dipenderà dalle decisioni della Regione, che per ora consente l’operatività solo alle bancarelle alimentari ma presto potrebbe estenderla anche alle alle altre, cosi come estenderà le aperture ai negozi anche a quelli non strettamente necessari. Potrebbe succedere già da lunedì 18, come potrebbe essere rimandato ancora di settimane.  Così, malgrado le strisce gialle già delineate, non si sa ancora quando entrerà in funzione quella nuova fermata.

Si sa invece quando verrà smantellato il tutto:  il parcheggio provvisorio per i bus tornerà di nuovo nella sua “sede naturale” di Piazzale Kennedy quando verrà trasferito il mercato in piazza Repubblica liberando così gli stalli originali che, nel progetto delle stazioni, subiranno poi anche un profondo ammodernamento.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianluca Ribolzi

    Un’infilata di vaccate in un solo articolo, degna di Varese News. Già dal titolo.

    Primo, non è un parcheggio bus ma un capolinea. Cosa ben diversa. In un parcheggio bus ci accedono tutti i bus di qualunque azienda, in un capolinea solo i bus (in questo caso extraurbani) che da li devono partire, con autorizzazione dell’ente concessionario.
    Secondo, i bus vengono spostati non per far spazio al mercato, ma per poter iniziare i lavori di demolizione del capolinea esistente e l’avvio dei lavori di costruzione del nuovo.
    Le bancarelle del mercato con ottobre, si presuppone siano già tutte in piazza Repubblica.
    Terzo, la Regione non c’entra assolutamente nulla con le decisioni relative a questo spostamento.
    Quarto, si sa già benissimo quando verrà spostato il capolinea e a tempo debito verrà comunicato all’utenza.
    Quinto, nulla c’entra il COVID con tutta questa vicenda.
    Ancora una volta, Varesenews disinformato e poco professionale.

    1. Stefania Radman
      Scritto da Stefania Radman

      Buongiorno, sono la redattrice dell’articolo. La ringrazio per l’attenzione che ha prestato alle mie righe, anche se mi sembra di intuire che non le abbia apprezzate. Che sia un capolinea, è specificato in grassetto nell’articolo, perciò spero che possa perdonarmi la rozzezza del titolo.Per quanto riguarda i motivi dello spostamento, ho chiesto informazioni a chi sta realizzando il progetto – sono fonti comunali – quindi non posso dirle altro di diverso da quello che ho scritto. Lei sarà certamente più informato di me, ma purtroppo è necessario, o direi d’obbligo, per noi attenersi a fonti più ufficiali possibile (e magari più di una). Per quanto riguarda il fatto che “si sappia già benissimo” mi permetta di esprimere un dubbio: Autolinee varesine, primo destinatario di questa informazione visto che deve spostare tutti i suoi bus e i suoi lavoratori, mi ha confermato che sta attendendo la data.

Segnala Errore