Sostegno istituzionale e investimento sul digitale: così riparte il turismo

Di prossimità, con un'impronta digitale e sostenuto dalle istituzioni: è la fotografia del turismo scattata da VareseNews durante la Milano Digital Week

villa panza foto di angela Boschiroli

Una mattinata dedicata al turismo, uno dei settori più colpiti dalla crisi. Un evento digitale promosso da VareseNews e da V2Media, nella cornice della Milano Digital Week, dedicata alla ripartenza. Aperta dal fondatore della MDW Nicola Zanardi, varesino di nascita, ha visto l’intervento di Lorenza Bonaccorsi, sottosegretario Mibact con delega al Turismo.

«Noi abbiamo cercato di equilibrare la tutela della salute con la necessità di fare vacanze», ha spiegato, ricordando poi gli impegni del governo nel rinnovo della cassa integrazione e nell’estensione del bonus da 600 euro anche ai lavoratori stagionali. «Dobbiamo lavorare per stare vicino alle aziende, ma anche per un innalzamento della qualità dell’offerta agendo in un’ottica di profonda riqualificazione. Prima della pandemia arrivavamo da uno sviluppo impetuoso ma poco regolato».

Una delle chiavi della ripartenza, ha aggiunto, sarà il cosiddetto turismo di prossimità, un concetto simile a quello del cibo a chilometro zero. «Partiamo da qui», ha convenuto l’esponente del governo, «ma dobbiamo pensare anche a un turismo sostenibile inteso come rispetto per i territori». Un turismo che, ad esempio, valorizzi il ruolo dei cammini storici. «È un tema sul quale il Mibact sta investendo fin dall’inizio, riuscendo a strappare contributi importanti per la riqualificazione dei percorsi più importanti come la via Francigena», ha concluso, «quello dei cammini è un turismo lento, perfettamente in linea con il turismo sostenibile e rappresentativo di una modalità di fare turismo che offre emozioni importanti e della quale c’è grande richiesta anche dai turisti stranieri, soprattutto dal nord Europa».

Gli ultimi mesi, però, non sono stati certo facili per chi opera nel settore. «Non potendo vendere, abbiamo accelerato sul digitale», ha spiegato Roberta Milano, Travel and Tourism digital strategist, «questo ci ha consentito di rimanere in contatto con il pubblico». C’è chi, come le Isole Faroe, ha utilizzato le tecnologie digitali per permettere ai turisti di effettuare una visita virtuale a questi luoghi.

«Il digitale è diventato il nostro strumento commerciale principale», ha confermato Andrea Buffarello, direttore generale di I Palazzi, «in questo momento la promozione turistica rappresenta una grossa sfida, dobbiamo essere molto rapidi, anche in confronto ad altre zone italiane, e anche molto coesi a livello territoriale».

Un appello alle istituzioni subito recepito da Fabio Lunghi, presidente della Camera di Commercio di Varese. «Abbiamo attivato dei tavoli di confronto con gli operatori, che ci permettono di cogliere le esigenze più importanti», ha affermato, «dobbiamo poi mettere in campo un’attività di promozione del territorio che sia costruita a partire da una strategia manageriale, troppo spesso mancata in passato. Noi andremo a creare una serie di product manager dedicato ai diversi comparti, dal turismo per le famiglie al long stay a quello di interesse naturalistico». Figure professionali che aiuteranno gli operatori a gettare il cuore oltre il lockdown.

Ha collaborato Stefania Radman

Pubblicato da VareseNews su Lunedì 25 maggio 2020

di riccardo.saporiti@gmail.com
Pubblicato il 28 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore