Zecchin e Moreau da favola, e il Varese prese la rincorsa per la B

Dieci anni fa iniziarono le semifinali playoff che finirono in gloria per i biancorossi. Tutto partì con il 2-2 a Benevento che diede agli uomini di Sannino la certezza di poter puntare in alto

varese benevento ritorno playoff

C’era un tempo – dieci anni fa esatti – in cui ci si muoveva in aereo per seguire il Varese, inteso come squadra di calcio. E non per accompagnare i biancorossi nel giro d’Italia in Serie B durato cinque stagioni – in quel caso è frequente viaggiare in volo – bensì per una partita di terza serie, la cosiddetta “Lega Pro Prima Divisione” che in quel 23 maggio 2010 viveva la sua gara inaugurale delle semifinali playoff. (foto in alto scattata al termine della gara di ritorno)

Erano le ore in cui l’Italia di fede nerazzurra stava festeggiando la Coppa dei Campioni, e chi partì dalla Malpensa per raggiungere la Campania per qualche momento si incrociò con chi, festante, tornava da Madrid con il trofeo dalle grandi orecchie. Per gli interisti-varesini una premonizione favorevole, per i bosini di altre fedi uno sprone per ritagliarsi un momento di gloria a tinte biancorosse in mezzo alle celebrazioni altrui.

tifosi varese calcio a benevento
La curva del Varese a Benevento

E fu proprio nel catino bollente del “Santa Colomba”, stadio allora piuttosto malmesso al pari del “Franco Ossola” (oggi si chiama “Vigorito” ed è stato radicalmente ammodernato a differenza di Masnago…), ma ribollente di passione giallorossa che il Varese di Sannino prese la rincorsa che gli permise di tornare in Serie B, a un quarto di secolo dall’ultima volta.
Benevento-Varese 2-2 fu la prima delle quattro partite necessarie per centrare la promozione, che sarebbe poi arrivata contro la Cremonese con la doppietta mozzafiato di Buba Buzzegoli. E fu probabilmente – questa è tutt’ora la nostra sensazione – anche il match che diede a Pisano e compagni la definitiva certezza di essere pronti per il salto verso l’alto.

Una certezza messa in mostra davanti ai 7.000 di Benevento da gente come Mathieu Moreau,  Gianpietro Zecchin e Giulio Ebagua, tutti già protagonisti della promozione dalla C2 sprintando dall’ultimo al primo posto della classifica. Quella domenica al “Santa Colomba”, mentre Ivan Basso scalava lo Zoncolan da fenomeno, furono proprio Giulio e Zecco ad ammutolire la marea dei tifosi stregoni con le reti che diedere per due volte il vantaggio al Varese mentre il portiere francese abbassò la saracinesca davanti alla sua porta con un paio di miracoli. L’undici di Sannino venne sì raggiunto in entrambe le occasioni (Ciarcia e rigore di Evacuo) ma con quel pareggio esterno pose basi solidissime per il passaggio del turno. Avvenuto a “Masnago” sette giorni dopo, in clima diventato da corrida con la boxe a centrocampo tra Ebagua e Landaida, con tanto di strascico in sala stampa perché l’attaccante annunciò il suo addio, sbagliando modi e tempi.

A quel viaggio verso Sud parteciparono tanti tifosi biancorossi (vista la distanza e il breve “preavviso”), oltre 250, arrivati in Campania con ogni mezzo. A chi volò di buon mattino si aggiunsero i molti che non si fecero spaventare dal lungo tragitto in pullman, o con vetture proprie. Una soddisfazione, per un pareggio pesantissimo, che tutti hanno ben impressa nella memoria. Con quel giro di campo pre-partita di Beppe Sannino a rappresentare la passione di ogni singolo varesino presente davanti alla bolgia avversaria.

LEGGI la cronaca del 2-2 di Benevento

LEGGI le pagelle della semifinale di andata

Benevento – Varese 2-2 (1-1)
Marcatori: Ebagua (V) al 14’ pt; Ciarcià (B) al 25’ pt; Zecchin (V) al 1’ st, Evacuo (B) su rig. al 20’ st
Benevento: Gori; Pedrelli, Cattaneo, Ferrario, Palermo (La Camera dal 27’ st); D’Anna (Clemente dal 16’ st), Vacca, De Liguori, Ciarcià; Evacuo (Bueno dal 45’ st), Castaldo. All. Acori. A disp.: Baican, Ignoffo, Landaida, Cejas.
Varese: Moreau; Pisano, Gentili (Camisa dal 38’ pt), Preite, Armenise; Zecchin (Gambadori dal 31’ st), Buzzegoli, Corti, Carrozza; Ebagua (Osuji dal 21’ st), Neto Pereira. All. Sannino. A disp.: Murriero, Camisa, Grillo, Tripoli, Momenté.
Arbitro: Merchiori di Ferrara (Longo e Perrone).
Note. Giornata poco nuvolosa e piuttosto calda. Ammoniti: Armenise, Corti. Calci d’angolo: 13-2 per il Benevento. Spettatori: 6.191 paganti, oltre 7.000 presenti. Incasso: 84.138 euro. Recupero: 5’ e 5’.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 22 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore