Una ciclabile sul Lago Maggiore tra Laveno e Sesto Calende, finanziata la progettazione

La Regione stanzia 100mila euro coprendo il 50% della progettazione della Ciclovia del Lago Maggiore, la restante parte resta in carico alla Provincia di Varese

bicicletta ciclabile lago

«La Ciclovia del Verbano si avvicina sempre di più alla sua realizzazione. Oggi la Giunta regionale ha deliberato lo stanziamento di 100mila euro per cofinanziare al 50% la progettazione della Ciclovia del Lago Maggiore da Sesto Calende a Laveno Mombello (i restanti 100.000 euro sono a carico della Provincia di Varese). Si tratta di un’opera per la quale mi ero personalmente impegnato in campagna elettorale e che aveva ricevuto il via libera in Consiglio regionale, con il voto favorevole a un mio Ordine del giorno».

Così Marco Colombo, Consigliere regionale della Lega, che commenta con soddisfazione la delibera della Giunta regionale, portata dall’Assessore Claudia Maria Terzi, per il cofinanziamento per la progettazione definitiva dell’opera.

«Nella prossima sessione di Bilancio – sottolinea Colombo – presenterò un emendamento specifico per finanziare l’opera, che rappresenta un’importantissima occasione per dare benessere e potenziare il turismo e l’economia del Lago Maggiore».

«La ciclovia andrà da Sesto Calende a Laveno Mombello, collegherà nove comuni e, soprattutto, creerà una connessione tra il Verbano, i laghi di Varese e Comabbio e il Parco del Ticino. Con questo progetto sarà possibile realizzare una rete ciclopedonale in grado di collegare tutta la provincia, ma soprattutto agganciarsi ai tracciati regionali, nazionali e internazionali» conclude Colombo.

«Come Regione Lombardia – ha spiegato l’assessore a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile Claudia Maria Terzi – sosteniamo concretamente la Ciclovia del Lago Maggiore: lo facciamo, in questa fase, finanziando la progettazione del tratto Sesto Calende – Laveno Mombello di 30 chilometri e della diramazione di 7 chilometri che unirà Sesto Calende a Mercallo in modo da collegare il Lago Maggiore al Lago di Comabbio lungo il tracciato del Percorso Ciclabile di Interesse Regionale (PCIR) n.1 ‘Ticino’. La Ciclovia del Lago Maggiore rappresenta un’infrastruttura di lunga percorrenza che potrà dare nuovo impulso al turismo sostenibile e all’economia dei luoghi attraversati. Un intervento strategico per la valorizzazione di un territorio splendido. La realizzazione del tratto in questione implementa un corridoio ciclistico nord – sud di portata internazionale e di grande valore turistico, che consente l’interconnessione tra il Lago Maggiore e la rete ciclabile esistente lungo il Lago di Varese, il Lago di Comabbio e il Lago di Monate, andando così ad attuare le strategie del Piano Regionale della Mobilità Ciclistica».

«Finalmente dalla Regione  le risorse necessarie per l’avvio del progetto – così commenta il consigliere regionale del Pd, Samuele Astuti – Un fatto certamente positivo. La ciclovia   sarà un incentivo per il turismo sostenibile e un volano per il sistema economico del territorio.  Finalmente dalla Regione una buona notizia».

La delibera approva lo schema di accordo tra Regione Lombardia e Provincia di Varese per lo sviluppo della progettazione della Ciclovia nel tratto indicato.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.