Le opposizioni chiedono condivisione per far uscire Tradate dall’emergenza

In una nota i gruppi consiliari del Pd e di Partecipare sempre tornano a chiedere all'Amministrazione Bascialla un confronto vero per dare alla città risposte rapide e concrete

Tradate - Comune municipio generiche

Partito Democratico e Partecipare Sempre tornano a chiedere una vera collaborazione con l’Amministrazione per dare risposte veloci e concrete alla città di Tradate alle prese con il post emergenza Covid.

«Partito Democratico e Partecipare Sempre hanno più volte manifestato la propria disponibilità a collaborare con l’Amministrazione Bascialla nella gestione dell’emergenza Covid, proponendo la costituzione di una cabina di regia maggioranza/minoranza – scrivono i rappresentanti dei due gruppi di opposizione in una nota – Le forze di centrodestra che amministrano Tradate hanno invece indicato nelle commissioni consiliari la sede dove svolgere questo lavoro. Riteniamo tale scelta un’ulteriore modalità scorretta di gestione dell’emergenza».

«Abbiamo appreso dalla stampa, quindi non tramite i canali istituzionali, che grazie al decreto Cura Italia che, su proposta all’Anci, prevede la possibilità di sospendere i mutui, a Tradate si creerà una disponibilità di 500mila euro derivanti dalla sospensione dei mutui (quota capitale) e la proroga degli stessi per un anno. Questa è un’ottima notizia per la nostra città e deve essere l’occasione per far lavorare insieme tutte le forze politiche all’interno delle commissioni, intese come luogo di studio e di condivisione di proposte ed idee Apprendiamo però, sempre dalla stampa, che l’amministrazione Bascialla sta già elaborando un piano dettagliato sull’uso del “tesoretto”. E la condivisione che era stata dichiarata possibile? Non avendo condiviso nulla con le minoranze sono state tradite così nei fatti le dichiarazioni di circostanza. Siamo disponibili a ritrovarci tutti insieme per elaborare proposte che portino ad un progetto comune? Quasi tutte le commissioni sono state convocate nelle scorse settimane, ma solo per un passaggio informativo e per una generica richiesta di proposte da parte delle minoranze. Lavorare insieme per il bene della città però significa ben altro».

«Con queste premesse – concludono Pd e Partecipare sempre – invece l’essere riconvocati nelle commissioni tra qualche giorno o settimana sa molto di un semplice passaggio formale durante il quale ci verrà presentato il solito pacchetto preconfezionato su cui per mancanza di tempo ed informazioni ci sarà impossibile dare un contributo attivo.  Sarebbe stato molto più chiaro e onesto dire sin da subito che non si voleva condividere nulla con le minoranze anche in questo momento particolare. Provate almeno ad essere veloci ed efficienti come alcuni piccoli Comuni in provincia di Varese, adottando misure immediate e di aiuto per le famiglie e le attività commerciali. Invece il comune di Tradate in questi mesi ha sempre inseguito in ritardo, distinguendosi per un approccio lento ed autoreferenziale della maggioranza di centrodestra e di chiusura ad ogni forma di condivisione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore