Da Londra a Morcote: on air dal Ticino Radio Caroline, la radio pirata più famosa al mondo

Sabato 27 giugno la musica della prima radio pirata al mondo, fondata nel 1964 su una nave, in diretta dalle 15.30 alle 19

Generico 2018

 

Per la prima volta nella storia, Radio Caroline, la radio pirata più famosa al mondo, l’emittente che ispirò il film campione d’incassi “I Love Radio Rock”, espatria dagli studi della Ross Revenge, situati nell’estuario del Tamigi in Gran Bretagna, agli studi di Radio Morcote International, in Svizzera, sulle sponde del lago di Lugano.

Grant Benson sarà on air su Radio Caroline per la prima volta lontano dalle fredde acque dei mari del nord sabato 27 giugno dalle ore 15.30 alle 19.00 direttamente dagli studi di Morcote, in Ticino: un appuntamento unico che farà la storia della musica rock.

Per ascoltare il programma basterà sintonizzarsi su www.radiocaroline.co.uk o su www.radiomorcoteinternational. com

Una tre ore di rock, passione, ricordi, aneddoti, un pizzico di nostalgia e una gran voglia di celebrare la vita e la musica con un pensiero particolare rivolto a Ronan O’Rahilly, fondatore di Radio Caroline, scomparso ad aprile di quest’anno.

Due radio con lo stesso spirito rock, due mondi nati entrambi in un periodo storico in cui è stato necessario inventarsi qualcosa di nuovo per emergere, due nazioni differenti ed un unico speaker, Grant Benson, colui che unirà queste due realtà facendo respirare la passione e l’energia che solo Radio Caroline è stata in grado di trasmettere. Più di tre ore di musica rock per respirare la musica di Radio Caroline ed emozionare gli oltre 11 milioni di radioascoltatori della radio pirata più famosa al mondo.

«E’ un grande onore, per me, essere stato selezionato, ancora una volta, tra gli innumerevoli speaker radiofonici che dagli anni ‘60 agli anni ‘90 hanno fatto la storia di Radio Caroline – ha detto ha dichiarato Grant Benson – I miei primi passi nel mondo della radiofonia sono stati fatti proprio su Radio Caroline ed è grazie a Caroline e al suo fondatore Ronan O’Rahilly che ho imparato ciò che conosco di questo mondo. Dobbiamo ringraziare tutti Ronan perché se ascoltiamo oggi le radio musicali in Europa lo dobbiamo proprio a lui; prima di lui, infatti, le radio in Europa erano pressoché tutte statali (Rai, BBC…). Sabato 27 giugno sarà il giorno in cui ringrazierò nuovamente Ronan e lo festeggerò insieme ai radioascoltatori anche per essere stato un grande amico».

La storia di Radio Caroline

Radio Caroline nacque nel 1964 per volontà del giovane imprenditore musicale Ronan O’Rahilly: stanco dei continui rifiuti da parte della BBC, allora monopolista dell’etere britannica, nel far suonare i dischi dei suoi artisti, decise che l’unica via sarebbe stata quella di fondare una radio propria, all’epoca vietata dalla legge.

Comprò una nave, installò gli studi radiofonici ed un trasmettitore da 50 kilowatt, posizionò la nave in acque internazionali – fuori dalla giurisdizione inglese – e rivoluzionò il mondo del broadcasting.

Il successo di Radio Caroline fu immediato. Nel giro di poche settimane conquistò 11 milioni di radioascoltatori e fu subito seguito da una ‘armata’ di imitatori, al punto che il governo dell’epoca fu costretto ad introdurre una legge, la Marine etc. Broadcasting Offences Act, che rendeva illegale ai cittadini britannici qualsiasi forma di lavoro (anche investimenti pubblicitari), collaborazione, aiuto, sovvenzione a favore delle radio “pirata” da parte di ogni cittadino inglese.

La legge entrò in vigore nell’agosto del 1967 ma Radio Caroline, la radio che ha ispirato il film campione d’incassi “I Love Radio Rock”, continuò, spostando il suo quartiere general prima in Olanda poi in Spagna per raggirarla e continuare a promuovere musica nuova, dai Pink Floyd ai Beatles, fino ad arrivare ai Rolling Stones e ai Dire Straits.

L’unica radio che resistette, nonostante il divieto, fu proprio Caroline. Fu amata subito dal pubblico ma anche e soprattutto dagli artisti internazionali, al punto che uno di loro, George Harrison dei Beatles, contribuì a tenerla in onda nei periodi più difficili della sua storia.

Oggi Caroline continua a vivere e trasmette dall’Inghilterra.

Radio Morcote international

A Morcote, uno dei borghi più belli sul lago di Lugano, Grant Benson, noto speaker radiofonico, on air sui più grandi network internazionali (tra i tanti, RTL 102.5, Radio Caroline, Radio 105..) e La Dany, sua compagna di sventura, hanno deciso di staccare la spina e attaccare l’antenna: il soggiorno di casa, messo sotto sopra, è stato trasformato in un vero e proprio studio radiofonico nel quale si accavallano cavi, cuffie, monitor, console e ancora cavi. Radio Morcote International nasce così. Agli inizi di aprile, in piena emergenza Coronavirus.

Oggi, a soli due mesi dalla nascita, Radio Morcote International si è trasformata da Radio Ufficiale della Quarantena a Radio Ufficiale della Rinascita con migliaia di radioascoltatori in tutto il mondo sintonizzati sul suo sito, sui social, o sulle innumerevoli app musicali gratuite. A maggio è entrata in classifica su FM-World tra le radio più ascoltate all’esterno in lingua italiana (al 13° posto sopra Virgin Radio, Radio Maria, Radio Capital). Oggi si è arricchita di speaker e contenuti senza perdere di vista la musica, rock e pop 24/24, da Frank Sinatra ai Led Zeppelin passando per i Beatles fino ad arrivare ai Gotthard

E’ ascoltabile su  www. radiomorcoteineternational.com – su www.grantbenson.com e sulle migliori APP di musica gratuita:  FM-World , Radio Garden, Online Radio, My Tuner, Radio Ch, Radios Argentinas

L’appuntamento con Radio Caroline e con la storia della musica rock è per sabato 27 giugno dalle ore 15.30 alle ore 19.00 con Grant Benson

Per ascoltarlo:  www.radiocaroline.co.uk    www.radiomorcoteinternational. com

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore