“Non lasceremo sola la famiglia Hannach”, dopo la tragedia la compattezza del Consiglio di Albizzate

Non poteva che aprirsi con il ricordo della gravissima tragedia che ha colpito la comunità il Consiglio comunale di Albizzate

Non poteva che aprirsi con un minuto di silenzio in ricordo della gravissima tragedia che ha colpito la comunità il Consiglio comunale di Albizzate. Lo ha fatto martedì 30 giugno, proprio nella seduta rimandata che avrebbe dovuto tenersi poche ore dopo il crollo di via Marconi che ha provocato la morte di una mamma e dei suoi due bambini in via Marconi.

L’apertura della seduta, però, è stata soprattutto una nuova testimonianza della capacità della comunità politica albizzatese di sapersi unire nei momenti più difficili. Era già successo nella fase più delicata dell’emergenza Covid e succede ancora ora, di fronte ad un episodio che non ha precedenti nella storia recente del paese.

«Dopo quei mesi così duri dell’emergenza in questi giorni eravamo pronti a respirare una nuova fase e invece è arrivato un colpo pesantissimo per la nostra comunità – ha spiegato il sindaco Zorzo -. Siamo vicini alla famiglia colpita in ogni modo nel ricordo dei nostri tre concittadini che hanno perso la vita. Dobbiamo mettercela tutta per non far sentire soli il papà e il suo bambino»

Nelle dichiarazioni dei gruppi consigliari, sia dalla maggioranza con il capogruppo Antonio Piatto che dalla minoranza con il consigliere Daisy Zorzo, è arrivato il sostegno compatto alla famiglia Hannac e anche al sindaco Zorzo, testimone in prima persona del gravissimo episodio di via Marconi.

«Abbiamo già incontrato la famiglia Hannac più volte e stiamo attendendo che si chiarifichi la situazione per capire come poter dare una mano concreta – ha aggiornato Zorzo facendo il punto della situazione -. In questo momento si attende l’autopsia e ci sono poche certezze. Il desiderio della famiglia è quello di riportare le salme in Marocco. Stiamo scoprendo che non è un’operazione semplice e come Comune, per quello che è la nostra possibilità, stiamo cercando di dare una mano in tutti i modi e quando sarà il momento proclameremo anche il lutto cittadino».

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 30 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore