Parco Pineta: riapre il Centro didattico di Tradate con tante idee per vivere la natura

Il Centro  didattico immerso nelle foreste silvestri dell'area protetta, riapre i suoi cancelli al pubblico domenica 5 luglio. Prenotazione obbligatoria, ingresso gratuito

Generico 2018

Il Centro  didattico del Parco Pineta a Tradate, immerso nelle foreste silvestri dell’area protetta, riapre i suoi cancelli offrendo molteplici esperienze ed opportunità di partecipazione.

Si riparte domenica 5 luglio per una lunga estate insieme con il Centro didattico scientifico e l’Osservatorio astronomico al completo, in collaborazione con la Fondazione Osservatorio Astronomico “Messier13” e la Cooperativa sociale AstroNatura.

Ad accogliere i visitatori, grandi e piccoli, nuove possibilità di fruizione nel pieno rispetto delle disposizioni di sicurezza dettate non solo da normative e regolamenti, ma soprattutto dal desiderio di tutelare operatori e fruitori.

Il Sentiero natura

Il Sentiero Natura, breve tracciato di facile percorrenza, conduce alla scoperta dell’affascinante mondo naturale. Lungo il percorso si incontrano aree di interesse come lo stagno ed il prato delle farfalle.

«I numerosi cartelli didattici di questo percorso saranno i primi ad essere interessati dalle nuove modalità di interazione – spiega Mario Clerici, presidente del Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate – Qr-code collocati sui pannelli permetteranno di accedere, tramite il proprio smartphone, a tracce audio di approfondimento che sostituiranno ottimamente una visita guidata resa più complessa dal necessario distanziamento sociale. Certo mancherà quel contatto umano con i nostri volontari, custodi trentennali del nostro territorio ed esperti di lunga data, ma proprio per far sentire meno la loro  mancanza saranno le loro voci a raccontare le curiosità ed i segreti del nostro ambiente naturale».

Non mancheranno approfondimenti astronomici imprescindibili vista la vocazione del luogo; la visita non riguarderà gli spazi al chiuso più angusti, ma non precluderà l’esperenzialità che contraddistingue il Centro didattico; per l’occasione infatti sarà predisposta una postazione di osservazione diretta del sole all’aperto.

Campo sperimentale di Orienteering

In occasione della Giornata europea dei Parchi – Giornata della Custodia 2018, gli alunni della Scuola cecondaria di primo grado Galilei di Tradate coordinati dalla Cooperativa AstroNatura, hanno collocato nell’area del Centro didattico dei paletti che richiamano la conformazione delle lanterne di orienteering. I più piccoli che desiderano sperimentare divertendosi questa disciplina, possono richiedere le cartine riportanti le diverse opzioni di percorso e verificare le proprie doti di orientamento!

Il Sentiero F.A.T.A.

Elementi e natura, un connubio che ha attraversato il tempo permeando credenze e cultura “scientifica” del passato. Il sentiero di circa 1 km, che avvolge il Centro didattico, offre quattro installazioni sugli elementi. Ad arricchire la passeggiata il Percorso del sistema solare con partenza dalla postazione del Sole; un sentiero dotato di totem a rappresentare i corpi celesti in scala immersi in un ambiente boschivo suggestivo.

App Etersia Quest – Armati di tecnomagia

Per aumentare le possibilità offerte dalla visita al Parco Pineta, è possibile (e consigliato) scaricare gratis l’App di Etersia Quest, che permette di percorrere il sentiero F.A.T.A., e vivere un’avventura che, tra rompicapi e prove di abilità, porterà i più piccoli (ma non solo) a confrontarsi con il perfido Kaos. Ghiandalf coinvolgerà gli utenti nel suo fantastico mondo popolato da stregoni armati di tecnomagia.

L’app Etersia Quest, scaricabile dai principali distributori (Google Play ed Apple Store) è fruibile in loco; una novità irresistibile a cui tutti potranno accedere anche attraverso la rete wi-fi messa a disposizione dal Parco.

Prenotazioni per visite sicure

Rispettando qualche regola e con alcuni piccoli accorgimenti tante sono le possibilità per soddisfare il desiderio di natura.

Cosa fare per partecipare?

1. Effettuare la prenotazione on-line tramite il portale eventbrite.it (raggiungibile anche dalla pagina Facebook del Parco) scegliendo l’orario di ingresso che si preferisce tra quelli disponibili. La prenotazione è obbligatoria e consigliata per singolo nucleo familiare. L’ingresso è contingentato e gestito attraverso la disponibilità di un numero limitato di biglietti per fascia oraria; occhio quindi all’orario riportato sul proprio biglietto.

2. Attendere l’email di conferma, scaricare i biglietti, stampare la prima pagina e sottoscrivere le clausole di partecipazione riportate nel box “informazioni evento”.

3. Presentarsi all’ingresso pochi minuti prima dell’orario indicato sul biglietto e consegnare il biglietto firmato all’accoglienza.

4. Le regole per una fruizione sicura sono le ormai consuete: distanze di sicurezza, mascherina e igienizzazione frequente delle mani.

Cosa portare con sé?

1. Un biglietto firmato per ogni prenotazione

2. Mascherina

3. Una penna

4. Uno smarphone con batteria carica. Prima di raggiungere la struttura si consiglia di scaricare una qualsiasi applicazione per la lettura di Qr-code.

Come arrivare

I visitatori sono invitati a lasciare l’auto all’Area di sosta di via ai Ronchi e a raggiungere il Centro didattico scientifico a piedi: sono solo 500 metri, percorribili anche con passeggino. Si contribuirà così ad un minor inquinamento atmosferico guadagnandoci in salute.

«L’aria che in questo periodo proviene dal nostro territorio porta con sé desiderio di natura, di spazi ampi ed aria aperta – conclude il presidente Mario Clerici – Le aree protette sono ancor di più al centro dei desideri nei nostri cittadini e rappresentano ora più che mai la risposta ad un bisogno. La riapertura del Centro didattico, che accoglie ogni anno migliaia di visitatori, è un passo indispensabile che sarà presto accompagnato nel suo cammino da altre importanti azioni».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore