Patteggia un anno l’uomo che investì e uccise Mario Merlo

Il 78enne era alla guida del suo Mercedes lungo via Matteotti quando colpì l'anziano pedone con il suo cane mentre attraversava la strada

processo piazza pulita tribunale busto arsizio

Ha patteggiato la pena di un anno, con il pagamento di un risarcimento alla parti offese, l’uomo che un anno fa, il 30 maggio 2019, ha investito e ucciso Mario Merlo, un 84enne di Castano Primo deceduto una settimana dopo l’impatto con un’auto, mentre attraversava la strada con il suo cane, in via Matteotti.  La decisione, concordata dai legali con il pubblico ministero Nadia Calcaterra, è arrivata questa mattina da parte del giudice per l’udienza preliminare che ha accolto la proposta.

L’imputato per il reato di omicidio stradale, un 78enne di Castano Primo, era a bordo della sua Mercedes che viaggiava a 67 km/h quel giorno e non si è accorto dell’anziano che stava attraversando la strada, colpendolo con la parte anteriore sinistra e facendolo sbalzare a terra. Le ferite riportate alla testa risultarono fatali per Merlo che soffrirà ancora una settimana in ospedale prima di esalare l’ultimo respiro.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.