Premio Chiara, grande partecipazione per fotografia ed inediti

Tra il 25 e il 28 maggio sono giunti a scadenza la X edizione del Premio Riccardo Prina “un racconto fotografico” e l'XI del Premio Chiara Inediti

Premio Chiara più forte del Coronavirus: record anche per fotografia ed inediti

Non conosce veramente crisi l’edizione 2020 del Premio Chiara, la cui decisione di portare avanti regolarmente le proprie iniziative sfidando il “buio” dell’emergenza sanitaria si sta risolvendo sempre più in un successo travolgente.

Tra il 25 e il 28 maggio sono infatti giunti a scadenza la X edizione del Premio Riccardo Prina “un racconto fotografico” e l’XI del Premio Chiara Inediti.

Il primo, concorso fotografico riservato a fotografi professionisti e non dai 18 ai 40 anni, che celebra il legame tra fotografia e parola, saluta infatti la partecipazione di ben 235 elaborati da tutta Italia e dal Canton Ticino, una cifra record nella storia dell’iniziativa, che acquisisce ancor più valore alla luce del fatto che il prossimo 30 giugno ricorrerà il decimo anniversario della prematura scomparsa di Riccardo Prina, giornalista (fu tra i primi redattori di Varesenews, poi fondatore di Artevarese), gallerista, esperto di comunicazione, critico e studioso dell’arte fotografica. Sarà ora compito della giuria tecnica selezionare le opere finaliste (l’annuncio delle quali giungerà in estate), che il 7 e l’8 novembre pv saranno esposte in mostra alla Triennale di Milano; la premiazione avverrà a Varese domenica 15 novembre pv.

Il secondo, premio letterario che mette in palio l’edizione e la distribuzione libraria per una raccolta di racconti inedita, ha invece raccolto una cinquantina di elaborati da tutta la Penisola, con un raddoppio netto rispetto alla media di partecipanti delle scorse edizioni. Il vincitore sarà reso noto entro la fine di giugno e verrà presentato alla Finale del XXXII Premio Chiara domenica 18 ottobre alle Ville Ponti di Varese.

Quale il motivo di questo successo? «Certo è un riconoscimento alla fermezza e determinazione con la quale gli Amici di Piero Chiara hanno confermato le proprie iniziative in questo convulso inizio d’anno. Ma è altrettanto vero che la cultura si è rivelata un’àncora alla quale aggrapparsi nella difficoltà e una “valvola di sfogo” espressivo-emozionale per tanti comuni cittadini, che hanno scelto poi di mettersi in gioco attraverso i concorsi», fanno sapere gli organizzatori del premio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore