Busto battezza il rinnovato centro di atletica Borri: otto corsie blu elettrico come quelle di Berlino

Emozione e orgoglio alla presentazione del rinnovato centro di atletica di Sacconago. Al fianco dell’amministrazione comunale, Giomi, La Torre e i campioni Cova e Brugnetti

Lo stadio dell'atletica Angelo Borri di Busto Arsizio rimesso a nuovo

Dopo i lavori di riqualificazione, è stato presentato questo pomeriggio, martedì 28 luglio, il centro di atletica di Sacconago che porta il nome di Angelo Borri.

Galleria fotografica

Presentazione del rinnovato centro di atletica Angelo Borri di Sacconago 4 di 26

La pista, una delle poche della Lombardia ad avere 8 corsie, è stata completamente rifatta con un materiale molto elastico, veloce e performante, uguale, anche per il colore blu elettrico, a quello dello stadio olimpico di Berlino. Sono nuove sia la gabbia per il lancio del disco e del martello, sia la “fossa delle siepi”; sono stati realizzati alcuni interventi sulla struttura portante della copertura della tribuna, anche il prato è stato completamente rinnovato. Si tratta di un investimento pari a 850mila euro, di cui 700mila per l’impianto (finanziati da Regione Lombardia e da un mutuo del Credito Sportivo) e 150mila per il rifacimento del manto erboso.

L’assessore allo sport Laura Rogora con emozione per un obiettivo tanto sognato e portato a termine ha ringraziato per prima il presidente della Federazione italiana di atletica leggera Alfio Giomi e «tutti quegli uomini e donne che hanno lavorato per arrivare a questo traguardo e che hanno calpestato questo campo». E continua «Da settembre 2006 questo impianto restituisce al territorio la libertà di fare sport; chiunque è passato di qua, dai bambini per i Fantagiochi agli atleti per la preparazione di gare internazionali, ha potuto usufruire di un impianto professionistico».

«Usciamo da un periodo difficilissimo, da un lockdown pesante, ma appena abbiamo ripreso l’attività i nostri ragazzi si sono dimostrati pronti e questo significa che abbiamo saputo interpretare un momento negativo e guardare avanti – ha evidenziato Alfio Giomi presidente della Federazione italiana di atletica leggera -. Fate in modo che questo impianto sia gestito per quanto è bello e offre».

Antonio La Torre, direttore tecnico della Federazione italiana di atletica leggera, invece, ha tenuto a sottolineare che «l’emozione nelle parole dell’assessore Rogora non va nascosta» perché «è bello sapere che ci sono posti come questi che danno spazio ai giovanissimi per sognare di diventare campioni». 

Presenti anche due ospiti d’onore che hanno fatto la storia dell’atletica italiana: Alberto Cova, campione olimpico dei 10.000 metri a Los Angeles 1984, e Ivano Brugnetti, medaglia d’oro nella 20 Km di marcia ad Atene 2004. 

Il plauso di Gianni Mauri, presidente di Fidal Lombardia è andato al sindaco Emanuele Antonelli «che ha saputo interpretare al meglio questo progetto; all’assessore Laura Rogora che ha nel cuore il ciclismo e l’atletica e infine alla Pro Patria. L’auspicio è, attraverso questa pista, di raggiungere grandi risultati». 

Il sindaco Emanuele Antonelli ha tenuto a ricordare i diversi impianti di alto livello presenti a Busto Arsizio; a ringraziare Angelo Pizzulo che ha finanziato una parte dell’impianto; Gigi Farioli che, già dal vecchio mandato, ha contribuito al rifacimento della pista, Agesp Attività Strumentali per il lavoro svolto e a ricordare Gian Pietro Rossi, sindaco emerito di Busto che tra le sue sette amministrazioni ha contribuito all’avvio della costruzione di un altro scrigno dello sport: il PalaYamamay. 

Presenti alla “reinaugurazione” anche il presidente della Pro Patria Roberto Roggero; il presidente del CIP Lombardia (Comitato Italiano Paralimpico) Pierangelo Santelli; Romano Pinciroli, da sempre vicino all’atletica e parte della Fidal; l’europarlamentare bustocca Isabella Tovaglieri; il vicesindaco Manuela Maffioli; gli assessori Massimo Rogora e Osvaldo Attolini; i consiglieri comunali Orazio Tallarida, Alessandro Albani, Alberto Armiraglio e Roberto Ghidotti; il presidente del Comitato regionale del Taekwondo Stefano Ferrario; l’amministratore unico di Agesp Attività Strumentali Alessandro Della Marra; il presidente Massimo Tosi dell’Assb e del Panathlon La Malpensa e il presidente del Distretto Urbano del Commercio Matteo Sabba. 

La benedizione di Don Claudio ha dato il via alle corse degli atleti e non solo. Sì, perché insieme ai giovani della Pro Patria Arc e a Vittoria Fontana, atleta gallaratese specialista dei 100 metri, hanno inaugurato l’anello anche il sindaco Antonelli e l’assessore Rogora. 

Francesca Cisotto
francescacisotto511@gmail.com

 

Cosa c’è di meglio di una famiglia che ti prende per mano e ti accompagna tra le informazioni con rispetto, chiarezza e obiettività? VareseNews è tutto questo, aspetta solo te!

Pubblicato il 29 Luglio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Presentazione del rinnovato centro di atletica Angelo Borri di Sacconago 4 di 26

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.