Casciago, il bando per il centro sportivo lo vince il San Michele

Affidamento provvisorio fatto dopo l'apertura delle buste (due le proposte arrivate). Soddisfatto il sindaco Reto. Il presidente del San Michele: "Obiettivo centrato, è un sogno che si avvera"

Generico 2018

Il campo sportivo di Casciago avrà un futuro. Il bando promosso dal Comune è stato vinto dalla società Asd San Michele Calcio, una delle due realtà che ha partecipato insieme al Gavirate Calcio 1921.

Il termine per la presentazione delle offerte e dei progetti scadeva ieri, giovedì 23 luglio e questa mattina, 24 luglio, sono state aperte le buste e assegnati i punteggi. Ha prevalso il piano presentato dal San Michele, soprattutto perchè nel progetto della compagine giallonera del presidente Pietro Bartolomei c’è l’obiettivo di fare del campo di Casciago il centro delle attività della società.

I passi ufficiali si avranno nei prossimi giorni, con l’affidamento formale della struttura (per ora c’è l’affidamento provvisorio), che passerà al San Michele dal 1 agosto per i prossimi 4 anni, con la possibilità di rinnovi in base alle opere che verranno eseguite sulla struttura, come previsto dal bando.

Soddisfatto il sindaco di Casciago Mirko Reto, che ringrazia i dipendenti comunali che si sono adoperati per la stesura del bando e per la valutazione, insieme al segretario comunale Margherita Taldone: «Siamo contenti, innanzitutto perchè due due società di ottimo livello si sono interessate al bando per gestire il nostro centro sportivo – commenta Reto -. Abbiamo voluto dare far sì che ci sia una prospettiva a lungo termine per creare un polo sportivo ed educativo. Ringrazio il Gavirate Calcio e il San Michele per essersi impegnati nella presentazione di due bandi interessanti. Le richieste dell’amministrazione sono state soddisfatte, speriamo sia l’inizio di una rinascita sportiva per Casciago e che i ragazzi del territorio abbiano la possibilità di avere vicino a casa un posto dove allenarsi e fare aggregazione».

«Per quanto riguarda la parte tecnica le due proposte erano equivalenti, ha prevalso il San Michele per la scelta di fare di Casciago il campo principale, oltre alla volontà di mantenere il nome di Casciago e Morosolo a livello sportivo. Nel loro progetto ci sono interventi sull’illuminazione, con attenzione al green e alla sostenibilità, con un nuovo impianto di luci a led, la sistemazione dei campi (quello da tennis diventerà un campo a 5 sintetico e anche per quello a a 11 ci saranno lavori in prospettiva) – spiega il primo cittadino casciaghese -. Ci sarà una completa riqualificazione dell’area e il mantenimento del decoro urbano costante e continuo, come era richiesto nel bando. In più, cosa che era prevista da entrambe le proposte, ci sarà la creazione di nuovi posti auto su via Piave con l’arretramento del muretto che delimita l’area del centro sportivo, andando a risolvere un problema annoso per i residenti. Dopo anni di trascuratezza del campo sportivo la speranza di vedere rinascere un fiore all’occhiello del paese c’è e si fa concreta».

Molto contento anche il presidente del San Michele Pietro Bartolomei, 32 anni, imprenditore, ex giocatore nelle giovanili della Casmo, la storica società del paese nata nel 1975, per 8 stagioni: «È un sogno che si avvera – dice -. Sono sette anni che il San Michele esiste e finalmente avremo una casa dove costruire, investire, progettare, lavorare. Abbiamo centrato l’obiettivo. I nostri 120 tesserati (dato del 2019) avranno a Casciago la propria base, un posto accogliente e aperto. A fine agosto la Prima Categoria comincerà l’attività, adesso dobbiamo metterci a lavorare e sistemare gli spazi. Abbiamo nuovi istruttori capaci, speriamo di poter portare qui tanti bambini con cui crescere insieme, non vediamo l’ora».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore