Cinema all’aperto a Busto Arsizio, terzo appuntamento con “Mamma o papà?”

Continuano le proiezioni cinematografiche all'aperto nell’ambito di “BA Cultura per l'estate” al Museo del Tessille

cultura busto arsizio villa tosi sala monaco museo del tessile

Continuano le proiezioni cinematografiche all’aperto nell’ambito di “BA Cultura per l’estate”. Il terzo appuntamento della rassegna, organizzata dall’Amministrazione in collaborazione con l’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, il BA Film Festival e il circuito “Sguardi d’Essai”, è in programma sabato 18 luglio alle 21.45 nel Giardino Quadrato del Museo del Tessile con la divertente commedia Mamma o papà? di Riccardo Milani con Paola Cortellesi e Antonio Albanese.

I posti disponibili sono 150: è necessario prenotare inviando una mail all’indirizzo: prenotazioniBAcinema@gmail.com.

Di seguito la trama del film:
Mamma o Papà?, il film di Riccardo Milani, vede protagonista la coppia formata da Valeria (Paola Cortellesi) e Nicola (Antonio Albanese). Dopo ben quindici anni di matrimonio, i due hanno deciso di divorziare in maniera civile. L’amore finisce, non è una tragedia ed è meglio fermarsi in tempo prima di diventare due amici che si fanno compagnia la sera davanti alla televisione. Sono d’accordo su tutto, alimenti, case, affidamento congiunto dei figli. Proprio quando si sono decisi a dare la notizia ai loro tre ragazzi, capita ad entrambi l’opportunità di partire all’estero per l’occasione lavorativa della vita. Valeria, da brava compagna e amica, è subito pronta a farsi indietro, ma quando scopre che Nicola ha una tresca con un’infermiera giovane e carina, non è più disposta a sacrificarsi, anzi, accetta al volo il suo nuovo incarico. A chi andrà la custodia dei figli nei sette mesi durante i quali entrambi i genitori hanno deciso di accettare le rispettive proposte di lavoro all’estero? Se i due non sono in grado di stabilirlo, saranno i bambini a scegliere se stare con mamma o con papà! La guerra tra Nicola e Valeria è dichiarata e la posta in gioco è esattamente opposta a quella delle normali famiglie in fase di divorzio: lottare per non ottenere l’affidamento dei figli e fare di tutto perché questi scelgano l’altro genitore.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore