Quantcast

Distretti del Commercio: da Regione 170.000 euro per le undici realtà varesine

Sono centodue le adesioni al bando della Regione aperto il 5 giugno scorso

palazzo lombardia

Sono dodici i distretti del commercio a cui  Regione Lombardia assegnerà le “concessioni di premialità”. Si tratta del bando che si è aperto lo scorso 5 giugno e che ha già ottenuto 102 adesioni. 

Per la nostra provincia arriveranno 170.000 euro che verranno distribuiti tra
Gallarate: distretto del commercio di Gallarate;
Gavirate: distretto del commercio dei Due Laghi;
Busto Arsizio: distretto del commercio di Busto Arsizio;
Cassano Magnago: distretto del commercio di Cassano Magnago 100;
Solbiate Olona: distretto del commercio del Medio Olona;
Somma Lombardo: Malpensa Nord – Ticino; Tradate: distretto del commercio di Tradate;
Saronno: distretto del commercio di Saronno;
Uboldo: distretto delle Antiche Brughiere;
Cardano al Campo: distretto del commercio di Malpensa Sud;
Lavena Ponte Tresa: distretto del commercio del Ceresio-Tresa;
Jerago con Orago: distretto commerciale dei Castelli Viscontei. 

Il provvedimento regionale nasce dalla consapevolezza che la crisi in corso cambierà l’equilibrio economico attuale delle attività sul territorio e la loro distribuzione urbana.  Per questo la Giunta regionale ha messo a disposizione, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico, Alessandro Mattinzoli, complessivi 22.564.950 euro con l’espressa volontà di volere recuperare altre risorse, a vantaggio dei partenariati pubblico privati costituiti nei Distretti.   Sono previste specifiche forme di premialità e di incentivazione per quegli Enti Locali che riusciranno, anche in forma associata e in collaborazione con le Camere di Commercio, a concedere i contributi alle imprese entro il 2020. 

La misura potrà inoltre fare sinergia con il programma di opere pubbliche per la riqualificazione urbana immediatamente cantierabili grazie alle risorse messe a disposizione dei Comuni da Regione Lombardia.

«Siamo soddisfatti del gran numero di domande arrivate – commenta l’assessore Mattinali –  Esprimono due segnali precisi: da una parte i centri urbani hanno voglia di essere protagonisti, dall’altra c’è la piena realizzazione di quella capacità di far sistema fra pubblico e privato per il rilancio della crescita economica e sociale».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore