La cultura non si ferma: presentata l’edizione 2020 di “Musica nelle Residenze Storiche”

Questa mattina ad Azzate è stata svelato il calendario di quest'anno della rassegna musicale del direttore artistico Mario Roncuzzi

musica nelle residenze storiche 2020

È stata la sala consigliare di Villa Castellani ad Azzate la sede della conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2020 della rassegna “Musica nelle Residenze Storiche”. Sei serate di cultura con la musica e con la bellezza delle dimore che inorgogliscono i paesi di Azzate, Galliate Lombardo, Inarzo, Casale Litta, Buguggiate e Daverio.

Il concerto inaugurale si terrà il 7 luglio presso i Giardini di san Pancrazio a Casale Litta, dove secondo la consolidata tradizione della Rassegna, verrà data a due giovani promesse l’opportunità di farsi conoscere. In scena saranno i violinisti Eliana De Candia e Domenico Masiello, che ci proporranno un programma accattivante ed eclettico che spazierà da Vivaldi a Nino Rota.

A seguire il 12 luglio un gradito ritorno nella Rassegna da parte del Comune di Buguggiate che ospiterà nella fortunata Corte Caffi dalla splendida acustica un concerto del Bagatella Quartet, formazione insolita composta da Fatlinda Thaci e Mario Roncuzzi, violini, Davide Vendramin alla fisarmonica e Gianluca Muzzolon al violoncello, che ci condurranno attraverso epoche e stili passando dalla Follia di Vivaldi alle Bagatelle di Dvorak, e dalla Jazz suite di Shostakovich ad Astor Piazzolla con le sue celebri Quatro Estaciones Porteñas.

Per il terzo appuntamento il 20 luglio a Galliate Lombardo nella fantastica Villa Calmia sarà di scena l’ensemble di fiati L’Ottetto, che ci proporrà un programma monografico con le Serenate di Mozart. Questo è l’unico caso in cui, non essendo disponibile una sede alternativa, in caso di maltempo lo spettacolo verrà riproposto il giorno successivo, 21 luglio.

Un gradito ritorno sarò quello del Quintetto di ottoni Milano Luster Brass, composto da Sergio Casesi e Gioacchino Sabbadini, trombe, Alessandro castelli, trombone, Fabio Pagani, Tuba e Alfredo Pedretti, corno, che il 26 luglio ad Inarzo, nella Piazza dei SS. Pietro e Paolo, proporrà un programma che partendo da Charpentier e Bach ci condurrà nel tempo attraverso gli stili, passando accanto ad opera e operetta per arrivare nel Novecento del jazz e della musica per il cinema con Piovani e Morricone.

Il Comune di Azzate, capofila della Rassegna, ospiterà il 6 agosto presso la splendida Villa Ghiringhelli, affacciata sul celebre Belvedere lo spettacolo Ritratti di signora, proposto dall’ Ensemble tutto al femminile Le Cameriste Ambrosiane. Lo spettacolo sarà preceduto, alle ore 18, da una prova generale aperta al pubblico, per dare la possibilità di assistere allo spettacolo a più persone

Ultimo appuntamento e gran finale della Rassegna, il 5 settembre a Daverio presso la storica ditta Goglio. Per l’occasione il programma “Sogni notturni” sarà interamente dedicato a Chopin. Voce recitante lo scrittore, narratore e giornalista Bruno Gambarotta, che sarà accompagnato al pianoforte da Giorgio Costa. In questo recital di grande impatto emotivo e artistico, in cui le letture garbate e ricche di aneddoti assumono un particolare fascino per il pubblico, in piena sintonia con le note romantiche e intense della musica.

 

Presentazione rassegna

Pubblicato da Musica nelle Residenze Storiche su Sabato 4 luglio 2020

La prenotazione dei posti sarà obbligatoria per tutti i concerti, ed ogni Comune ospitante metterà a disposizione numeri telefonici dedicati. Gli spettacoli si svolgeranno nel totale rispetto delle regole stabilite per gli spettacoli, anche se questo ridurrà di molto la capienza delle residenze ospitanti.

«Con grande gioia e piacere – ha spiegato il direttore artistico Mario Roncuzzo – e piacere sono a presentarvi la Stagione 2020 della Rassegna di Musica nelle Residenze Storiche. In un difficile periodo che ha toccato tutti e segnato profondamente molti, ciò era tutt’altro che scontato, ma nonostante le difficoltà la luce dell’arte e della bellezza trova sempre uno spiraglio per illuminare gli animi e, confortandoli, spingerli a nuove speranze. Ecco quindi che per la sedicesima stagione un nutrito gruppo di Amministrazioni Comunali, di cui capofila è anche per presente edizione il Comune di Azzate, ha deciso di aderire alla rassegna e sostenere le scelte della direzione artistica, rendendo possibile ancora una volta che la Musica possa risuonare nei luoghi di maggior interesse storico, artistico e paesaggistico della nostra bella Regione. Nella Rassegna 2020 dovremo attenerci alle regole di distanziamento previste dai decreti in vigore, quindi avremo sempre concerti a ingresso libero ma con prenotazione obbligatoria presso i relativi Comuni».

«È con riconoscenza – conclude il direttore Roncuzzi – che ringrazio tutti coloro, amministratori e collaboratori, che si sono spesi nell’organizzazione ed hanno creduto nel progetto di Musica nelle Residenze Storiche anche in questo strano 2020, e fin d’ora ringrazio chi lavorerà nella realizzazione pratica degli spettacoli, in primis i volontari e i membri della Protezione Civile. Una menzione speciale a tutti i mecenati che hanno voluto sostenere economicamente il progetto e che, anche a titolo anonimo, hanno fatto sentire la loro vicinanza».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore