La mototerapia take away al Museo del Tessile di Busto Arsizio

Sabato 4 e domenica 5 luglio verranno effettuate le sessioni di mototerapia per circa 100 ragazzi della città

Mototerapia take away

La Mototerapia Take Away di Vanni Oddera torna a Busto Arsizio per regalare ancora due giorni di intense emozioni ai ragazzi con disabilità e ai pazienti oncologici che ancora non hanno potuto rincontrare i propri educatori ed amici.

Nella suggestiva cornice del Museo della Tradizione e del Tessile di Busto Arsizio, sabato 4 e domenica 5 luglio verranno effettuate le sessioni di mototerapia per circa 100 ragazzi della città in collaborazione con le associazioni del territorio.

Grazie all’intraprendenza della presidente di Mai Paura onlus  Emanuela Bossi, quest’anno sono state sperimentate soluzioni innovative per rispondere alle esigenze reali delle persone per cui è stata costituita la onlus, come le dirette Facebook di Mai Paura online e la Mototerapia Take Away Delivery Edition.

L’evento, a porte chiuse, si terrà nel weekend dalle 9 alle 17 con appuntamenti cadenzati e distanziati nel tempo e con un rigido protocollo di sicurezza che prevede anche il rilevamento della temperatura corporea.

Ai ragazzi verranno offerte quattro esperienze emozionali terapeutiche diverse, suddivise tra quad, biciclette, surf virtuale, mini moto e le immancabili moto sia elettriche che a scoppio con l’accompagnamento musicale firmato Virgin Radio con la partecipazione straordinaria del Dj Andrea Rock.

Durante le due giornate verranno effettuate delle riprese video anche con drone che avranno così l’impegno di portare su un circuito nazionale le bellezze della location.

Durante le due giornate, in collaborazione con le associazioni del territorio, verrà offerto il pranzo ai ragazzi nella fascia oraria 12.30/14.30 che verrà organizzato nel quadrilatero del cortile interno del Museo.

L’occasione sarà resa ancora piu speciale e straordinaria dal servizio ai tavoli svolto dai volti più rappresentativi della città di Busto Arsizio, dai volontari che si sono impegnati in questa avventura e dai rappresentanti dell’amministrazione comunale; alla giornata d’apertura presenzieranno il vicesindaco Manuela Maffioli e l’assessore all’inclusione sociale Osvaldo Attolini.

«Anche questa volta pensiamo di regalare emozioni ai ragazzi delle associazioni ma saremo noi a viverle e sempre più intensamente – dice la presidente Emanuela Bossi – Ringrazio personalmente chi ha permesso che queste due giornate fossero così intense, il sindaco Emanuele Antonelli che ci ha concesso la location e tutte le associazioni che ci hanno letteralmente travolti dalla generosità. Grazie a tutti.”

«I miei complimenti alla dottoressa Bossi e a tutto il suo staff per l’entusiasmo e la generosità  che sempre dimostrano e il mio grazie per questa ennesima, importante, emozionante occasione di inclusione sociale – afferma il sindaco Emanuele Antonelli – Saranno due giornate terapeutiche per tutti, non solo per le ragazze e I ragazzi che vivranno l’esperienza in prima persona».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore