“In pronto soccorso a Varese, fin oltre 50 barelle senza distanziamenti e in spazi ridotti”

Nuova denuncia di un gruppo di infermieri che mostra la difficile situazione in cui versa il PS dell'ospedale di Circolo, con pazienti che vi stazionano " fino a 4/5 giorni"

PS di Varese

Dura denuncia di un gruppo di infermieri sulla situazione in cui è tornato il pronto soccorso di Varese.

Dopo la denuncia pubblica con uno striscione all’ingresso di Viale Borri e la replica della direzione strategica dell’azienda, alcuni dipendenti sollevano e documentano un ulteriore problema: « Di fronte all’affermazione virgoletta “attualmente la dotazione di posti letto è adeguata alle esigenze del pronto soccorso”, non possiamo che usare le parole usate dalla stessa azienda: “appare inoltre stupefacente una così scarsa conoscenza “della situazione in esame.

Si è tornati da tempo ad avere pazienti che stazionano in Pronto Soccorso fino a 4/5 giorni. Anche in questi ultimi giorni ci risulta che il Pronto Soccorso abbia dovuto fermare l’afflusso di ambulanze per mancanza di barelle. Da tempo ormai i pazienti allettati sono tornati ad occupare le postazioni del periodo pre covid (quando non era previsto il distanziamento sociale).

Ci pare strano che chi ha risposto non sia a conoscenza di quello che vivono quotidianamente i cittadini che si recano in pronto soccorso: fin oltre 50 le barelle sistemate nelle sale e nei corridoi del Pronto Soccorso oltre ai pazienti in carrozzina e a quelli deambulanti. Come è possibile garantire così il distanziamento sociale considerando anche gli spazi ridotti da lavori strutturali e modifiche organizzative per fare fronte all’emergenza COVID?

PS di Varese

Affermare inoltre che il tempo medio di permanenza in pronto soccorso nel 2020 si è ridotto in modo significativo suona come un’affermazione denigratoria nei confronti dei cittadini e dei professionisti. Infatti i tempi medi di permanenza sono falsati dal periodo di emergenza covid durante il quale i pazienti che si rivolgevano al pronto soccorso erano drasticamente diminuiti ed i ricoveri giornalieri erano in numero irrisorio rispetto ad oggi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore