Rivabene sul bilancio mornaghese: “Inascoltate le nostre proposte, così non va”

A parlare è il capogruppo dell'opposizione Fabio Rivabene all'indomani della seduta consigliare che ha dato il via libera al bilancio di previsione

fabio rivabene mornago lega

«Con rammarico, ieri sera, il nostro gruppo ha votato contro al bilancio di previsione proposto dagli amministratori di maggioranza del nostro Comune». A parlare è il capogruppo dell’opposizione Fabio Rivabene all’indomani della seduta consigliare che ha dato il via libera al bilancio di previsione. Queste le dichiarazioni dell’ex candidato sindaco:


“Ci vengono alla mente le parole pronunciate dal Sindaco pro-tempore Tamborini nel Consiglio Comunale di insediamento che ci invitava alla collaborazione e alla condivisione. Collaborazione che non è iniziata fin da subito dove non è stata presa in considerazione nessuna delle nostre proposte da inserire tra le linee programmatiche di mandato.
Questione annosa è quella legata al Pgt i cui contenuti sono stati stroncati dai pareri di Provincia e di altri enti e sul quale abbiamo avanzato dettagliate proposte, su cui attendiamo risposte. Un dialogo, ancora aperto, c’è stato sulla questione della gestione raccolta rifiuti, sulla quale abbiamo chiesto spiegazioni e valuteremo le posizioni sia dell’amministrazione comunale che di Coinger, con la quale si sarebbe potuto discutere anche una riduzione della quota Tari agli esercizi commerciali rimasti chiusi causa Covid-19
Avremmo voluto esporre le nostre proposte anche per il bilancio di previsione 2020, anno difficile per tutti i mornaghesi ma per nulla di tutto questo siamo stati interpellati, sempre in nome della collaborazione e della condivisione.
Noi avremmo proposto maggiori aiuti alle famiglie alzando la soglia di esenzione dell’addizionale Irpef da 10.000 euro a 15.000 euro, e ciò sarebbe stato utile a molte più famiglie; avremmo proposto la restituzione della quota della retta per il trasporto scolastico per il servizio non erogato, argomento neanche preso in considerazione.
Nemmeno per le opere pubbliche, nessuna condivisione, neppure sulla destinazione dei 350.000,00 euro assegnati al nostro Comune da Regione Lombardia.
Constatiamo piacevolmente che, comunque e senza palesarlo, qualche opera come la piazza di Crugnola, la “sistemazione” del muro del parco della biblioteca, la sistemazione dell’arredo della piazza di Mornago sono idee avanzate a suo tempo dal nostro gruppo che evidentemente hanno lasciato il segno.
Il nostro dovere è comunque quello di proporre e di vigilare. Attendiamo fiduciosi la tanto decantata collaborazione e condivisione”.

Fabio Rivabene

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore