Sconto benzina ai minimi termini, Astuti: “Studiamo in Regione come tutelarlo”

“Di fatto sta venendo meno la convenienza di fare il pieno in provincia di Varese – spiega Astuti –. Quindi, dobbiamo chiederci cosa può fare la Regione per tutelare lo sconto"

benzina

“Il valore dello sconto sulla benzina è ridotto ai minimi termini, rischiamo quasi di non riuscire ad applicarlo, come accaduto con il diesel. Regione Lombardia deve intervenire”, lo chiede Samuele Astuti, consigliere regionale del Pd, di fronte a quanto si sta verificando al confine con la Svizzera dove lo sconto benzina si assottiglia mano a mano che si abbassa il prezzo in Canton Ticino.

“Di fatto sta venendo meno la convenienza di fare il pieno in provincia di Varese – spiega Astuti –. Quindi, dobbiamo chiederci cosa può fare la Regione per tutelare lo sconto: potrebbe essere un ragionamento sul calcolo, sull’algoritmo, definito in un’altra epoca, e deve essere rivalutato alla luce dell’evoluzione recente dei prezzi dei carburanti sui due lati del confine. Ma dobbiamo fare di tutto per preservare il meccanismo dello sconto ed evitare di azzerare la differenza”.

Dunque, rispetto a quello che Regione Lombardia avrebbe potuto fare circa il taglio dello scorso marzo, riconfermato in questi giorni, “ci chiediamo perché non promuovere un’iniziativa politica per evitare l’ennesima tegola in testa per moltissimi cittadini che, usciti dal lockdown, si sono trovati con agevolazioni ridotte all’osso. È ora che Regione faccia la propria parte per aiutare i suoi cittadini. Se il Governo è passato ai fatti tagliando il cuneo fiscale a partire da questo mese, non dimentichiamo che Salvini, capo della Lega che governa la Lombardia, si è invece fermato alle chiacchiere promettendo l’eliminazione delle accise sulla benzina in campagna elettorale senza poi muovere un dito a riguardo quando era al governo”, conclude Astuti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Tiefenthaler

    Vergognoso. Invece di aumentare lo sconto benzina( in solo favore dei rivenditori) mantengano i prezzi che ci sono al di fuori dell’area “SCONTO”. A sud della provincia ci sono sempre 20-30 €Cent di differenza a favore degli automobilisti.

  2. Scritto da carlo196

    In effetti a Varese città i prezzi sono superiori a quelli, ad esempio, di Gallarate. Anche per quanto riguarda la Svizzera i prezzi al Gaggiolo e Porto Ceresio sono superiori di 7/8 centesimi di franco rispetto a Ponte Tresa.
    Comunque in Svizzera sono più onesti perchè diminuiscono i prezzi quando cala il costo del barile di petrolio mentre in Italia sono celerissimi ad aumentarli all’aumento del greggio.

  3. Scritto da Viacolvento

    Lo scopo dello sconto è evitare che si vada a fare benzina in Svizzera a tutela dei distributori, non dei consumatori.

Segnala Errore