Vela in prima linea: un giorno in barca per gli “eroi” degli ospedali

L'associazione SAILife mette in barca medici, infermieri e assistenti che hanno lottato per settimane contro il Covid-19. Nel weekend, da Meina, salperanno quattro scafi per una giornata speciale

Progetto \"Vela in prima linea\"

Hanno tenuto testa, per settimane dure e intense, al maledetto Covid-19 dedicandosi anima e corpo ai malati con l’angoscia di potersi ammalare a propria volta. Sono stati, giustamente, chiamati “eroi” e, ora che l’epidemia è calata di intensità, possono finalmente godersi qualche giornata di svago. Come quella organizzata per loro da SAILife, un’associazione velica di Gallarate che ha varato l’iniziativa “Vela in prima linea”, dedicata a mettere in barca il personale sanitario che si è battuto per contrastare il coronavirus.

Galleria fotografica

Progetto "Vela in prima linea" 4 di 5

Nel prossimo fine settimana, quello del 4 e 5 luglio, una ventina di persone si ritroveranno a Meina, sulla sponda piemontese del Lago Maggiore, per trascorrere una giornata speciale: grazie ai soci di SAILife, medici, infermieri e assistenti sanitari che lavorano in alcuni ospedali lombardi potranno partecipare a una gita sul Verbano, accompagnati da alcuni istruttori velici che li accompagneranno in alcuni degli scorci più belli del lago.

«Ogni anno la nostra associazione dedica tempo e risorse per un progetto sociale: lo abbiamo fatto, per esempio, con i ragazzi che vivono in comunità protette ma questa volta ci sembrava bello dare un segnale al personale sanitario che si è trovato in prima linea nel corso di un’epidemia così aggressiva – spiega Marco Iovino, presidente di SAILife – Alcuni nostri soci sono a loro volta medici e così hanno sparso la voce in diverse strutture della zona: tra il primo weekend (quello del 13 e 14 giugno ndr) e quello che verrà, si sono iscritte persone che lavorano negli ospedali di Milano, di Busto, Varese e Saronno. Ognuno di loro può farsi accompagnare da un’altra persona e naturalmente i partecipanti saranno nostri ospiti, senza ovviamente alcuna quota di iscrizione. È il nostro modo per ringraziarli del grande lavoro che hanno svolto negli ultimi mesi».

L’esperienza prenderà il via dalla sede della Lega Navale Italiana di Meina, associazione che ha collaborato con SAILife nell’organizzazione: i “velisti per un giorno” si ritroveranno al mattino e salperanno su quattro imbarcazioni (affidate ai soci del club gallaratese) per solcare le onde del Verbano; il pranzo sarà al sacco in qualche località con una visuale mozzafiato e il ritorno alla base è previsto per le 16,30 circa. «La prima esperienza, a giugno, è stata piacevole e ha coinvolto una dozzina di partecipanti – prosegue Iovino – stavolta avremo un numero maggiore di persone ma, grazie all’impegno dei nostri tesserati e di quelli della LNI Meina, possiamo fare fronte senza problemi alla richiesta e permettere a tutti gli iscritti di trascorrere una giornata diversa dal solito».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 02 luglio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Progetto "Vela in prima linea" 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore