Curiglia è isolata, primo sopralluogo per posizionare una passerella pedonale

Anche eventuali interventi di soccorso dovranno arrivare dal cielo, in caso di bisogno. Sul versante Nord tornano accessibili le frazioni di Maccagno con Pino e Veddasca

curiglia con monteviasco

In Val Veddasca il giorno dopo la grande alluvione che ha interrotto strade e frazioni non è ancora il momento della conta dei danni, perché l’emergenza dal punto di vista meteo e dunque del dissesto idrogeologico è ancora attiva: fino alle 14 di oggi resta l’allerta rossa per la Protezione civile regionale.

Galleria fotografica

Le ricerche del disperso nel Molinera 4 di 9

Sulla sponda destra, versante Nord della Veddasca, la situazione migliora dal punto di vista viabilistico: nessuna frazione  risulta ad ora isolata. Nel corso dell’intera giornata di sabato il responsabile tecnico comunale Ivan Vargiú ha seguito passo passo le operazioni di assistenza e verifica delle dei principali punti di criticità tra cui la provinciale 5, interrotta in più punti. «Ad oggi le principali criticità riguardano diverse frane da tenere costantemente monitorate anche alla luce di una situazione meteo ancora pesante», dicono i tecnici del Comune.

Pesante invece la situazione dall’altro versante della valle, a Curiglia con Monteviasco, dove la strada provinciale 6, arteria di collegamento col fondovalle, è crollata. «Stiamo facendo ora un sopralluogo con il geologo della provincia per valutare la possibilità di posizionare una passerella per il transito pedonale» dice la sindaca Nora Sahnane. (sul posto, con la Provincia, anche il nucleo specializzato dei Genieri di Protezione Civile di Samarate)

Il Comune, che già era interessato dall’isolamento ormai da mesi di Monteviasco, è ora completamente isolato dal punto di vista viabilistico. «Da qui, ad oggi, non può passare neppure una barella a mano» continua Sahnane. Proprio questa – gli eventuali soccorsi sanitari – è stata una delle prime preoccupazioni della sindaca: «Insieme ai consiglieri abbiamo ripulito la strada che porta al piazzale della funivia, dove è in grado di atterrare l’elicottero del 118». Lo stesso sistema Areu-118 è stato appunto informato che eventuali interventi di soccorso richiederanno l’elicottero.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 30 Agosto 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Le ricerche del disperso nel Molinera 4 di 9

Galleria fotografica

Maccagno, le foto delle zone alluvionate 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore