Quantcast

Dalla Regione 342mila euro per promuovere il turismo in Lombardia

La misura - presentata su indicazione dell'assessore al Turismo e marketing territoriale Lara Magoni - è rivolta ai soggetti pubblici e privati che operano per la promozione e la commercializzazione turistica

ispra -angelo crimi lago maggiore

(Foto di Angelo Crimi – Ispra) –  La Giunta regionale ha approvato uno stanziamento di 342.000 euro per promuovere a livello territoriale la destinazione Lombardia con campagne di comunicazione ad hoc.

La misura – presentata su indicazione dell’assessore al Turismo, marketing territoriale e moda, Lara Magoni – è rivolta ai soggetti pubblici e privati che operano per la promozione e la commercializzazione turistica, e dà la possibilità di veicolare la campagna regionale straordinaria di promozione turistica mediante attività di pianificazione media, produzione e/o riadeguamento dei relativi materiali di comunicazione.

«In questa situazione inedita – dice l’assessore Magoni – abbiamo ripensato la promozione turistica per adeguarla al nuovo contesto. Abbiamo lavorato per lanciare una campagna di comunicazione che metta al centro l’autenticità e la bellezza della nostra Regione, raccontata attraverso il punto di vista, intimo ed emozionale, di chi quotidianamente accoglie e accompagna i visitatori».

L’agevolazione concessa è a fondo perduto fino al 70% dell’investimento complessivo fino ad un massimo di 30mila euro a fronte di un investimento minimo di 10.000 euro.

I soggetti beneficiari possono essere: 

– enti locali titolari di competenza in materia di promozione turistica;

– Camere di commercio;

– soggetti pubblici, diversi dagli enti locali, con prevalente finalità statutaria di promozione turistica;

– associazioni Pro Loco lombarde iscritte all’albo regionale;

– consorzi turistici o altri soggetti in forma imprenditoriale con prevalente finalità statutaria di promozione turistica;

– agenzie di promozione turistica in forma non imprenditoriale o organismi associativi con prevalente finalità statutaria di promozione turistica.

«Già oggi – aggiunge Lara Magoni – vi sono importanti segnali di ripresa legati al turismo di prossimità, in particolare nelle località di montagna e lacustri. Noi però continuiamo a ritenere che sia il turismo internazionale la naturale vocazione della nostra regione. Piuttosto che alimentare una sorta di competizione interna riteniamo che il ruolo della Lombardia sia di essere nuovamente apripista italiana nell’attrarre visitatori da tutto il mondo, in particolare dai paesi europei più vicini. La misura di Regione Lombardia vuole essere un giusto riconoscimento alla grinta e alla determinazione di moltissime realtà locali nel rinnovarsi e nel programmare la ripresa: non è un caso che stiano aumentando gli arrivi di turisti europei con prenotazioni anche fino a ottobre. Questa è la prova dello spirito resiliente dei lombardi, che non si sono persi d’animo e anzi si sono già rimboccati le maniche per ripartire».

I progetti beneficiari delle risorse dovranno avvalersi del brand turistico ‘inLombardia’, del relativo brandbook e delle linee guida della campagna regionale che saranno resi disponibili alla pubblicazione del bando.

Le attività di amplificazione della campagna dovranno essere realizzate e rendicontate entro il 31 dicembre 2020. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore