Due nuovi percorsi targati Slow Food in Canton Vallese

Slow Food Svizzera presenterà in anteprima il 29 agosto le destinazioni che arricchiranno il progetto Slow Food Travel

slow food svizzera canton vallese

Slow Food Travel, il progetto di Slow Food che propone percorsi turistici con l’obiettivo di avvicinare i viaggiatori alla conoscenza di culture, identità e gastronomie locali – presenterà il 29 agosto due nuovi itinerari in Svizzera, nelle regioni di Grand Entremont e Fully, nel Canton Vallese.

L’occasione è l’Assemblea generale di Slow Food Svizzera, che il 29 agosto riunirà i suoi soci all’Espace St-Marc di Le Châble (VS).

Nei giorni del congresso, i soci avranno la possibilità di conoscere gli oltre 50 produttori, gli artigiani e le strutture ricettive e ristorative della zona, partecipando alle visite organizzate lungo il percorso Slow Food Travel. La proposta prevede: un’escursione gastronomica all’alpeggio La Chaux sopra Verbier, che permetterà di assistere alla trasformazione del latte in formaggio; un viaggio a Sarreyer alla scoperta della panificazione tradizionale in forno a legna, durante il quale sarà possibile anche incontrare i druidi del paese, conoscitori delle erbe spontanee, ed essere introdotti all’uso e alla distillazione delle piante medicinali; un percorso in bicicletta elettrica sopra Fully (Chiboz); una visita a Vollèges, un paese dal fascino antico dove gli ospiti si cimenteranno nella fabbricazione della cressin bagnarde, un pane tradizionale cotto nel forno bannale, tradizione risalente all’epoca feudale.

«Slow Food Travel – spiegano gli organizzatori – offre ai territori la possibilità di sviluppare le proprie potenzialità come destinazione gastronomica di qualità, nel rispetto di rigorose linee guida e della filosofia dell’associazione, attraverso la costruzione di alleanze e di esperienze che valorizzano al meglio il patrimonio gastronomico locale».

«Il Canton Vallese – aggiungono da Slow Food Svizzera -, in particolare, si contraddistingue ancora oggi per una produzione agricola familiare che conserva molto della tradizione antica. Sono tantissime le attrattive turistiche e i tesori naturali che offre ai visitatori: dal più grande ghiacciaio alpino al maggiore castello barocco della Svizzera, passando per la vigna in quota più alta d’Europa. Una terra ricca di preziose tradizioni, che Slow Food si impegna a far conoscere nel mondo».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.