Quantcast

Fondo emergenza Covid: l’Università dell’Insubria stanzia 75.000 euro

Sconti, agevolazioni, sostegno all'adeguamento tecnologico: tante le iniziative promosse dall'ateneo per sostenere chi si trova in difficoltà

Open day Università dell'Insubria

Sono state 563 le domande arrivate all’Università dell’Insubria per il Fondo di emergenza Covid-19. Di queste, tolte quelle di chi già non doveva pagare niente e quelle non perfezionate, ne sono state accolte 516.

Il rettore Angelo Tagliabue e l’equipe nominata per gestire il fondo hanno scelto di investire 75mila euro anziché i 50mila inizialmente previsti. Sono stati così assegnati contributi differenziati in base al bisogno, ovvero riduzioni da 100 a 1000 euro del saldo dovuto per l’anno accademico 2019-2020. E già si pensa di replicare: è allo studio un nuovo programma di misure economiche per l’autunno, per continuare a sostenere le famiglie con il prorogarsi dell’emergenza Covid.

Altra azione concreta in questa direzione è l’acquisto da parte dell’ateneo di 1294 Sim con router 4G per agevolare la didattica a distanza per chi è in difficoltà economica: 438 sono riservate a studenti già iscritti, le altre verranno assegnate alle matricole in base all’Isee.

È al vaglio anche una proposta di aiuto agli studenti che debbano comprare un computer: potrebbe essere loro riconosciuta una quota da detrarre dal contributo unico.

Sempre a beneficio degli studenti, l’Insubria ha rivisto l’Isee. La soglia della No Tax area è stata portata da 13 a 20mila euro con un decreto approvato il 22 aprile, in anticipo rispetto alle disposizioni date dal ministro Gaetano Manfredi. Significa che i nuovi iscritti che si trovano in quella fascia di reddito possono frequentare l’università pagando solo la tassa di iscrizione di 156 euro.

Sconti sulla contribuzione sono previsti anche per i redditi da 20 a 30mila euro, in linea con quanto stabilito dal Mur: in questo caso l’ateneo ha definito più scaglioni in modo da creare gruppi omogenei rispetto alle richieste, con sconti graduali.

Altre opportunità sono contenute nel nuovo bando per il Diritto allo studio, un diritto garantito dall’articolo 34 della Costituzione italiana. Le borse di studio dell’Insubria si compongono di una parte in denaro e una parte come servizio ristorazione gratuito e possono prevedere l’alloggio in collegio per gli studenti fuori sede che ne facciano richiesta. Domande entro il 30 settembre per il Diritto allo studio, entro il 23 agosto per i collegi:
https://www.uninsubria.it/bando-per-diritto-allo-studio-2020.

Aperto anche il bando dei College sportivi di atletica leggera (mezzofondo), canottaggio, tiro con l’arco, prove nordiche (sci nordico-biathlon, sci alpinismo) e triathlon, destinato a chi pratica sport a livello agonistico e trova all’Insubria un programma mirato per conciliare studio e gare. Domande entro il 14 agostowww.uninsubria.it/college.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore