Patto per l’ospedale di Saronno, le dichiarazioni dei cinque candidati sindaco di Saronno

Le dichiarazioni dei cinque candidati sindaco sul patto post elettorale per l'ospedale di Saronno proposto da Leonardo Calzeroni, candidato sindaco dei “Democratici per Turate”

Generico 2018

A Saronno tutti i candidati sindaco hanno fornito una risposta all’appello in favore dell’ospedale di Saronno lanciato da Leonardo Calzeroni, candidato sindaco dei “Democratici per Turate”, che ha invitato tutti i candidati ad un patto post-elettorale in difesa del nosocomio saronnese.

«Questo nuovo appello di Calzeroni aggiunge un’ulteriore spinta per attivare un vero e proprio movimento che operi sul tema in modo capillare e costante, con l’aiuto magari dei cittadini che sono certo non si tireranno indietro per fare la loro parte» ha dichiarato il candidato del Movimento 5 Stelle Luca Longinotti. 

Il candidato Pierluigi Gilli ha risposto all’appello riportando un punto del proprio programma elettorale, che prevede proprio l’unione delle istituzioni locali su questo tema: «Con la Regione negoziano le istituzioni, sicché, ci si impegna a supportare l’Ospedale in ogni modo e con ogni mezzo, a partire dall’interazione con l’esistente Comitato pro Ospedale, sino al coinvolgimento di tutte le agenzie sociali aggregative (scuola, parrocchie, associaizoni, sindacati, ecc.) e alla costituzione di un accordo tra Comuni per rappresentare alla Regione le istanze di Saronno e del Saronnese» si legge nel programma elettorale della Lista Civica Con Saronno e Lista Azione, Italia Viva, +Europa.

Positivo il commento anche del candidato sindaco del centrosinistra Augusto Airoldi: «L’appello Calzeroni, rivolto ai futuri sindaci, indipendentemente dalla loro collocazione politica, ha inoltre il pregio di superare la frammentazione che, in campagna elettorale, rischia di trasformare anche un obiettivo comune come il futuro dell’Ospedale, in materia di competizione politica. SI quindi senza riserve all’appello Calzeroni, con una avvertenza: cercare da subito la più stretta collaborazione con il Comitato per la difesa dell’Ospedale di Saronno che da anni si batte con costanza e competenza per il medesimo obiettivo».

Ha aderito all’iniziativa anche la candidata di Obiettivo Saronno Novella Ciceroni, che ha anche ricordato la raccolta firme tutt’oggi in atto a sostegno dell’ospedale di Saronno: «Lo scopo di questa importante iniziativa, unica nella storia cittadina recente e forse anche passata, è far sentire con forza la voce dei cittadini e la petizione è uno strumento giuridico utile per esprimere una richiesta alle Istituzioni competenti in materia. Ad Ottobre il nuovo Sindaco di Saronno, forte delle firme raccolte che riceverà personalmente, potrà portare le istanze dei cittadini saronnesi e non saronnesi, in Regione Lombardia, l’organo istituzionale competente a decidere per il nostro Ospedale».

«Ben venga il dialogo con tutte le parti in causa, ma ad oggi il tavolo con i Comuni del Saronnese e Ats Insubria c’è – ha sottolineato il sindaco di Saronno uscente Alessandro Fagioli -. I modi per interloquire ci sono, io stesso ho spinto per far sì che il territorio del Saronnese avesse una rappresentanza nei diversi tavoli istituzionali. Certo è che non possono essere i sindaci a spiegare ai direttori sanitari come deve funzionare un ospedale, ma semmai al contrario, fermo restando che è corretto che i primi cittadini facciano le debite sollecitazioni nei confronti degli enti preposti, nel rispetto delle prerogative istituzionali».

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.